Numero 8

30 aprile 2010

SOMMARIO:
Iniziative prossima attuazione
Normativa Comunitaria
Approfondimenti
Gare d'appalto
Ricerca Partner
Bandi Europei
Bandi Fondi Strutturali
Euro Cooperazioni
Sportello Europa Romania
Sportello Balcani
Sportello USA
Sportello APRE
Eurocultura
Informazioni specializzate dall'UE, in collaborazione con  Euroreporter
Contatti
SCHUMAN - SCHOOLS OF THE UNION MAKING A NEW EUROPE, EDIZIONE 2010 
Lunedì 10 maggio 2010, alle ore 15.00, presso il Teatro Olimpico di Vicenza, si terrà la cerimonia di premiazione delle iniziative SCHUMAN e SCHUMAN+, entrambe promosse dalla Regione Veneto - sede di Bruxelles, da Unioncamere del Veneto – Eurosportello, dalla Rappresentanza a Milano della Commissione Europea e dalla Fondazione Antonveneta. 
Si tratta di percorsi formativi e informativi dedicati ai giovani studenti veneti di tutte le età per promuovere e approfondire la conoscenza dell’Unione Europea e creare una cittadinanza europea consapevole e informata su quanto l’Europa oggi conti e incida sulla vita di tutti noi. 
Il tema della cittadinanza europea è stato al centro di due distinti concorsi, la cui premiazione rientra tra le celebrazioni della “Festa dell’Europa”, che ricorre il 9 maggio e in occasione della quale vengono organizzati ogni anno eventi e manifestazioni che avvicinano l'Europa ai suoi cittadini. 
Il concorso SCHUMAN, giunto quest’anno alla sua sesta edizione, ha impegnato oltre 85 scuole secondarie di primo grado del Veneto per un totale di circa 167 classi e circa 4.000 studenti, attraverso la produzione di elaborati scritti, contributi audiovisivi, prodotti artistici o musicali. Alla cerimonia di premiazione, a cui sono state invitate le prime 12 classi finaliste, saranno rivelati i nomi dei vincitori. Il primo premio è un viaggio studio a Bruxelles capitale d’Europa alla scoperta delle Istituzioni dell’Unione. Per le classi seconda e terza classificate sono invece in palio due buoni-spesa, rispettivamente di 4.500 e 3.000 Euro, per l’acquisto di libri, dvd, cdrom e materiale didattico. 

 

Il concorso SCHUMAN + (novità introdotta nel 2010) ha invece coinvolto in questa sua prima edizione 73 studenti provenienti da 27 scuole secondarie di secondo grado, che si sono impegnati nella composizione di un elaborato scritto incentrato su tematiche europee di forte attualità. Alla cerimonia del 10 maggio sono stati invitati i tre vincitori che riceveranno un voucher del valore di 1.500 Euro da spendere per un viaggio-studio all’estero della durata due settimane, in una località a scelta, per approfondire lo studio e la conoscenza di una lingua straniera.
HOME
INIZIATIVE DI PROSSIMA ATTUAZIONE
LINK AD ALTRE INIZIATIVE:
World Bionergy - Elmia Recycling to Energy - Evento B2B – Progetto 2nd Generation BioMatch (2GBM)– Jonkoping (Svezia), 25-27 maggio 2010 
Eurosportello del Veneto è partner del Progetto 2GBM finanziato dalla Commissione Europea (Agenzia per la Competitività ed Innovazione-EACI) che vede coinvolti 15 partner europei provenienti da Danimarca, Italia, Estonia, Lettonia, Grecia, Svezia, Spagna, Finlandia e Regno Unito. 
Obiettivo principale di 2GBM è l’organizzazione di 4 workshop all’interno delle maggiori fiere nel settore delle bioenergie (bioenergie da foresta, da zootecnia e da rifiuti industriali e domestici). 
Il primo evento in calendario è la fiera internazionale World Bioenergy (www.elmia.se/en/worldbioenergy) - Elmia Recycling to Energy (www.elmia.se/recycling) che si terrà a Jonkoping in Svezia dal 25 al 27 maggio p.v.
World Bioenergy è considerata la più importante fiera del settore delle bioenergie derivante dalle foreste e dall’agricoltura per la produzione di riscaldamento e di energia elettrica. 
Esporranno i maggiori produttori, fornitori e sub-fornitori di tecnologie dei seguenti settori: 
  • biomasse e biocarburante 
  • servizi di consulenza, di analisi e finanza 
  • commercio, distribuzione, trasporti e logistica 
  • servizi di ingegneria e pianificazione 
  • tecnologie e materiali per la combustione 
  • ricerca e sviluppo, formazione 
Parallelamente ci sarà Elmia Recycling to Energy che coprirà tutti gli aspetti correlati allo smaltimento, al riciclo e all’ uso dei rifiuti. 
Questo primo workshop sarà supportato da tutti i partner del progetto e coinvolgerà i settori dello stoccaggio dell’energia, dei trasporti, delle costruzioni, della produzione, trasmissione e conversione dell’energia, delle energie rinnovabili e dello smaltimento dei rifiuti. 
Lo scopo dell’evento è di incentivare la cooperazione transnazionale e di aumentare la competitività e la crescita delle PMI tramite l’organizzazione di incontri di business to business nell’ambito di questi importanti eventi fieristici. 
In questo contesto Unioncamere del Veneto – Eurosportello invita le aziende operanti nei settori sopracitati a partecipare alla manifestazione fieristica World Bioenergy - Elmia Recycling to Energy e al relativo evento di partenariato che si terrà a Jonkoping (Svezia) nei giorni 25 – 26 maggio p.v. presso la Hall A a Elmia Exhibition & Congress Centre
L’evento offrirà l’opportunità di entrare in contatto diretto con numerose aziende che operano nei settori sopra elencati provenienti da diversi Paesi europei. Rappresenta quindi una proficua occasione per incentivare lo sviluppo di relazioni commerciali e di cooperazione. 
Gli incontri bilaterali/commerciali tra le aziende si baseranno su un’agenda di lavoro personalizzata e prestabilita secondo le richieste di collaborazione della Vostra azienda tramite un portale internet. 
L’iscrizione all’evento è soggetta al pagamento con carta di credito di: 
  • 100,00 € + IVA 19% per i visitatori 
  • gratuita per gli espositori 
  • gratuita per i delegati alle conferenze 
Per ogni azienda partecipante
l’iscrizione da’ diritto a: 
  • agenda personalizzata di incontri bilaterali della durata di 30 minuti ciascuno (20 incontri massimo in due giorni) 
  • visibilità nel portale dedicato 
  • entrata alla fiera per massimo due persone per azienda ad entrambe le fiere 
  • assistenza prima, durante e dopo l’evento da parte dei partner del progetto 2GBM 
  • refreshments durante gli incontri bilaterali 
Qualora interessati, Vi chiediamo gentilmente di inviare la scheda di adesione compilata a Unioncamere del Veneto – Eurosportello entro il 10 maggio 2010 al seguente numero di fax 041 0999401 o via e-mail rossana.colombo@eurosportelloveneto.it
Per maggiori approfondimenti sull’evento in oggetto, Vi consigliamo di consultare il portale dedicato http://www.bioenergy-match.eu 
Per ulteriori informazioni contattare sig.ra Rossana Colombo – tel. 041 0999415 - e-mail: rossana.colombo@eurosportelloveneto.it  - dott. Roberto Bassetto - tel. 041 0999419 - e-mail: roberto.bassetto@eurosportelloveneto.it
INFO DAY “ERASMUS PER GIOVANI IMPRENDITORI”: OPPORTUNITÀ PER LE GIOVANI IMPRESE 
VENEZIA, 27 MAGGIO 2010
Unioncamere del Veneto – Eurosportello, in collaborazione con il sistema delle Camere di Commercio del Veneto, organizza un Info Day relativo al Programma “Erasmus per Giovani Imprenditori”, destinato a promuovere ed incrementare l’imprenditorialità e l’internazionalizzazione attraverso un periodo di scambio in altri paesi dell’Unione Europea. Questo progetto pilota rappresenta una risposta innovativa al momento difficile che le nostre imprese stanno affrontando. Grazie alle opportunità che offre il programma “Erasmus per Giovani imprenditori”, i nostri giovani avranno così l’occasione di usufruire di un contributo per migliorare le proprie conoscenze, e acquisire competenze, know how, capacità manageriali che potranno fungere da volano per l’innovazione delle proprie neo-costituite imprese una volta tornati nel proprio paese. D’altra parte, gli imprenditori già affermati hanno la possibilità di sviluppare ed espandere il proprio network di relazioni alla dimensione internazionale nel settore o nella filiera di proprio interesse gettando le basi per lo sviluppo di futuri rapporti e reti commerciali, e migliorare così la propria competitività sul mercato. Nel corso dell’Info Day, verranno fornite informazioni sulle modalità di partecipazione, sui requisiti di ammissione al programma e sul funzionamento della piattaforma online. L’evento si terrà presso Unioncamere del Veneto – Sala Europa, dalle ore 10.00 alle ore 12.00, e sarà riproposto nel pomeriggio dalle ore 14.00 alle 16.00
Per visualizzare il programma e per scaricare la scheda di adesione, cliccare qui
Per ulteriori informazioni: europa@eurosportelloveneto.it  (rif. Geyleen Gonzalez Vera e Daniela Nardello, tel. 041 0999411). 
HOME
NORMATIVA COMUNITARIA
AMBIENTE RELAZIONE della Commissione al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato Economico e Sociale europeo e al Comitato delle Regioni - sull’applicazione e l’efficacia della direttiva 2003/35/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 maggio 2003 che prevede la partecipazione del pubblico nell’elaborazione di taluni piani e programmi in materia ambientale e modifica le direttive del Consiglio 85/337/CEE e 96/61/CE relativamente alla partecipazione del pubblico e all’accesso alla giustizia COM(2010)143 definitivo
ENERGIA DECISIONE della Commissione del 19 aprile 2010 relativa all’adesione della Commissione europea al Partenariato mondiale per le bioenergie (2010/222/UE) (GUUE L 98/2010)

COMUNICAZIONE della Commissione al Parlamento europeo in applicazione dell'articolo 294, paragrafo 6, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea relativa alla posizione del Consiglio in prima lettura sull'adozione di una proposta modificata di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio concernente l'indicazione del consumo di energia e di altre risorse dei prodotti connessi al consumo energetico, mediante l'etichettatura ed informazioni uniformi relative ai prodotti (rifusione) COM(2010)164 definitivo

COMUNICAZIONE della Commissione al Parlamento europeo in applicazione dell'articolo 294, paragrafo 6, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea relativa alla posizione del Consiglio in prima lettura in merito all'adozione di una proposta modificata di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sul rendimento energetico nell'edilizia (rifusione) COM(2010)165 definitivo
QUESTIONI GENERALI, ISTITUZIONALI E FINANZIARIE COMUNICAZIONE della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio - Addendum al COM(2009) 665 definitivo Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio Ripercussioni dell’entrata in vigore del trattato di Lisbona sulle procedure decisionali interistituzionali in corso COM(2010)147 definitivo
POLITICA SOCIALE REGOLAMENTO (UE) N. 317/2010 della Commissione del 16 aprile 2010 che adotta le specifiche relative al modulo ad hoc 2011 sull’occupazione delle persone disabili per l’indagine per campione sulle forze di lavoro di cui al regolamento (CE) n. 577/98 del Consiglio (Testo rilevante ai fini del SEE) (GUUE L 97/2010)
POLITICA INDUSTRIALE, CERTIFICAZIONE, SICUREZZA DECISIONE della Commissione del 22 aprile 2010 relativa alla proposta di decreto ministeriale italiano che disciplina l’etichettatura del latte sterilizzato a lunga conservazione, del latte UHT, del latte pastorizzato microfiltrato e del latte pastorizzato ad elevata temperatura, nonché dei prodotti lattiero-caseari [notificata con il numero C(2010) 2436] (Il testo in lingua italiana è il solo facente fede) (Testo rilevante ai fini del SEE) (2010/229/UE) (GUUE L 102/2010)
TUTELA DELLA SALUTE DECISIONE della Commissione del 19 aprile 2010 relativa alla banca dati europea dei dispositivi medici (Eudamed) [notificata con il numero C(2010) 2363] (Testo rilevante ai fini del SEE) (2010/227/UE) (GUUE L 102/2010)
CULTURA-AUDIOVISIVO DIRETTIVA 2010/13/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 marzo 2010 relativa al coordinamento di determinate disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri concernenti la fornitura di servizi di media audiovisivi (direttiva sui servizi di media audiovisivi) (versione codificata) (Testo rilevante ai fini del SEE) (GUUE L 95/2010)

RACCOMANDAZIONE di Decisione Del Consiglio relativa alla manifestazione "Capitale europea della cultura" per il 2014 COM(2010)178 definitivo  
HOME
APPROFONDIMENTI
European SME Week 2010 - PROMOZIONE DEI PRODOTTI EUROPEI ATTRAVERSO IL “MADE IN“ E I MARCHI DI QUALITA’- Bruxelles,26 maggio 2010 
Il 26 maggio 2010 si terrà l’evento “Promozione dei prodotti europei attraverso il “Made in“ e i marchi di qualità” organizzato nell’ambito della Settimana Europea per le Piccole e Medie Imprese a Bruxelles. L’evento sarà organizzato da Unioncamere del Veneto – Delegazione di Bruxelles in collaborazione con la Camera di Commercio della Croazia. La manifestazione ha lo scopo di fornire una panoramica sullo stato attuale della proposta di regolamento della Commissione Europea, relativo all’obbligo di indicazione di origine dei prodotti, noto come "Made in". L’incontro è volto a presentare i marchi di qualità esistenti, tra i quali "Croatian Quality" e "Croatian Creation" mettendo in luce le esigenze e le aspettative di un Paese candidato. All'evento parteciperanno attivamente sia rappresentanti delle Istituzioni Europee che rappresentanti del mondo imprenditoriale italiano e croato, al fine di comprendere in che modo il marchio di qualità e l’indicazione di origine dei prodotti possano dare un valore aggiunto al settore industriale, a migliorare la tutela dei consumatori e ad incentivare la competitività delle imprese europee.
Qualora interessati a partecipare Vi preghiamo di contattare Unioncamere del Veneto – Delegazione di Bruxelles, il Dott. Corrado Marchetti al tel. +32.2.5510490, corrado.marchetti@ven.camcom.it.  
I MINISTRI DEL TURISMO DEL’UE ADOTTANO LA DICHIARAZIONE DI MADRID
Lo scorso 15 aprile i ministri europei responsabili del turismo si sono riuniti a Madrid ed hanno approvato “la dichiarazione di Madrid„, che getta le basi di una politica europea del turismo, trattandosi di una base di impegno comune degli Stati membri per una politica europea del turismo moderno, duraturo e responsabile. La dichiarazione di Madrid affronta infatti le questioni essenziali per una politica europea del turismo coerente, mirando a promuovere un'etichetta europea per le destinazioni europee. Nella dichiarazione si pone attenzione al carattere stagionale del turismo, che non deve essere pregiudizievole alle persone attive nel settore, alla tutela dei consumatori, che deve essere rafforzata, ed all'importanza delle nuove tecnologie al servizio dello sviluppo del turismo europeo. In occasione dell’incontro è stata sottolineata l'importanza, per tutti i paesi dell'Unione europea, di lavorare sinergicamente per attirare turisti cinesi, russi, giapponesi ed americani. 
PROCEDURA di SELEZIONE DEI FUNZIONARI EUROPEI, NUOVI CRITERI
L’EPSO (European Personnel Selection Office) sta attuando dei nuovi criteri e misure volte a promuovere la diversità all’interno del personale impiegato nelle istituzioni dell’Unione europea, attraverso un sistema di concorsi molto più rapido rispetto a quello usato fino all’anno scorso, in cui verranno valutate più le competenze che le conoscenze. I nuovi concorsi verranno svolti in due fasi distinte, con una pre-selezione da svolgersi mediante prova telematica e l’eventuale prova pratica da tenersi a Bruxelles. Per ulteriori informazioni e monitoraggio dei bandi si consiglia di consultare il sito internet della Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea: http://eur-lex.europa.eu/JOIndex.do?ihmlang=it 
UEAPMI, ESAME DELL’IMPATTO SULLE PMI DELL’AUMENTO DELLE ESIGENZE IN CAPITALE BANCARIO
L'Unione europea dell'artigianato e delle piccole e medie imprese (UEAPMI) chiede che venga effettuato uno studio micro e macroeconomico, al fine di analizzare l'impatto delle misure in preparazione sulla capacità delle banche di prestare alle PMI europee. L'UEAPMI ritiene infatti necessario un aumento del livello dei fondi propri bancari, dopo aver rilevato, durante la crisi economica, che il livello di finanziamento all'economia reale ha resistito maggiormente negli Stati Membri in cui esiste una rete bancaria decentrata che comprende banche cooperative e casse di risparmio a livello locale, rispetto a quei paesi in cui il mercato è quasi interamente dominato da banche commerciali. 
rinviata ALL’AUTUNNO 2010 L’ADOZIONE DELLA STRATEGIA UE 2020
Lo scorso 23 aprile, in occasione della conferenza dei presidenti del Parlamento europeo, è stato lanciato un appello al Consiglio europeo affinché rinvii all'autunno l'adozione della strategia UE 2020 sulla competitività economica, dal momento che non è stato ancora consultato per fornire le linee direttive per l’occupazione. L’intenzione attuale è quella che i capi di Stato e di governo adottino a giungo la strategia UE 2020 per la competitività economica e le linee direttive integrate per l'economia e l'occupazione per i prossimi tre anni, nonostante però il Parlamento si debba ancora pronunciare sul progetto di linee direttive, che devono essere proposte dalla Commissione europea ed approvate dal Consiglio europeo. 
HOME
GARE D'APPALTO
Visualizza le GARE D'APPALTOper lavori, servizi e forniture.
Per ricevere le gare selezionate in base al vostro settore d’attività, iscrivetevi al servizio gratuito EUROAPPALTI.
HOME
RICERCA PARTNER
Ricerca le Idee progettuali di partner stranieri interessati a presentare progetti europei con partner italiani.
HOME
BANDI EUROPEI
Apri l’elenco completo dei bandi UE aperti, selezionati dalla Gazzetta ufficiale serie C e dai siti delle diverse Direzioni Generali della Commissione Europea.
HOME
BANDI FONDI STRUTTURALI
Azione 4.1.2 "Creazione di punti di accesso pubblici".
Scadenza bando: 16/07/2010
Attuazione del Programma Operativo Competitività Regionale ed Occupazione parte FESR della Regione del Veneto e per il Veneto, periodo 2007/2013. Asse 4 Azione 4.1.2 "Creazione di punti di accesso pubblici". Approvazione avviso pubblico.  
Azione 2.1.1 "Incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili".
Scadenza bando: 14/08/2010
Bando di concorso per la concessione di contributi in c/capitale per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.  

GUIDA AI FINANZIAMENTI DELL'UNIONE EUROPEA
Si informa che sul sito di Eurosportello del Veneto è disponibile la Guida ai finanziamenti dell'Unione Europea 2009.
Per scaricarla: http://www.eurosportelloveneto.it/pubblicazioni/GUIDA2009.pdf
HOME
EURO COOPERAZIONI
Visualizza l’elenco delle aziende straniere che cercano cooperazioni internazionali
HOME
SPORTELLO EUROPA ROMANIA
Lo Sportello Europa Romania nasce nel gennaio 2008 per dare supporto alle PMI italiane nella ricerca di informazioni sui fondi strutturali erogati dalle autorità romene nel periodo 2007-2013. E’ il risultato di un accordo tra alcune istituzioni italiane che da tempo operano in Romania per sostenere l’imprenditoria italiana nei suoi processi di internazionalizzazione, e che vantano notevole esperienza nella gestione di programmi comunitari.
Lo Sportello, istituito presso la Camera di Commercio italiana per la Romania , fornisce informazioni a tutti gli imprenditori italiani desiderosi di saperne di più sui fondi strutturali e sulle opportunità di finanziamento che questi offrono.

Per ottenere maggiori informazioni sui bandi già pubblicati, su quelli di prossima attivazione, sulle condizioni di eleggibilità e per ricevere la newsletter periodica sui fondi strutturali Vi preghiamo di contattare il referente dello Sportello Europa Romania.


Sportello Europa Romania
c/o Camera di Commercio italiana per la Romania
Tel: +40 (0)21 310.23.15/16/17
Fax: +40 (0)21 310.23.18
E-mail: sportelloeuropa@cameradicommercio.ro
Str. Franceza 13 – 2° piano
030102 Bucarest – Romania
Referente: Matteo Peri
NEWS FONDI STRUTTURALI
Programma Operativo crescita della Competitività Economica (POS CCE)
173 contratti di finanziamento firmati per il settore IT, 139 in fase di contrattazione
Secondo il Ministero per le Comunicazione, Organismo Intermediario per l’asse 3 - “Sistemi IT per il settore privato e pubblico” del POS CCE, allo stato attuale sono stati finanziati 173 progetti, per un valore totale di circa 626 milioni di RON.
Tra questi, 128 sono implementati da beneficiari privati (valore: 8,9 milioni di RON) e 45 da autorità pubbliche (valore: 506,3 milioni di RON).
Sono inoltre in fase di contrattazione 122 progetti presentati da società private e 17 progetti proposti dalle autorità.
201 progetti infine, presentati per l’operazione 3.2.1 - “Supporto per l’implementazione di soluzione di e-government e connessione a banda larga, ove necessario” sono in fase di valutazione tecnico-finanziaria.
Programma Nazionale di Sviluppo Rurale (PNDR)
1,6 milioni di euro dall’UE per un allevamento di galline da uova
Un simile progetto è finanziato tramite la misura di modernizzazione delle attività agricole (121) del PNDR. Le spese eleggibili comprendono la costruzione o la modernizzazione di edifici,dell’infrastruttura di accesso e dei vari allacciamenti, l’acquisto di macchinari e attrezzature, gli investimenti per la produzione di energia rinnovabile che coprano il fabbisogno dell’azienda, i costi di progettazione, le autorizzazioni e le spese di consulenza.
Ad esempio, per un’azienda che abbia una capacità di 100.000 galline da uova, con un sistema completo di raccolta e spazio per l’imballaggio, i costi eleggibili possono arrivare a un milione di euro, di cui metà possono essere ottenuti dai fondi europei.
Per l’anno in corso, stando a quanto previsto, la misura 121 sarà lanciata due volte, la prima in maggio e la seconda in ottobre (per un budget complessivo pari a 250 milioni di euro). All’interno di questa misura è possibile ottenere un contributo per l’avvio di un frutteto, di una vigna e per investimenti in apicoltura (l’elenco è soltanto orientativo, per ulteriori informazioni è possibile consultare la guida del sollecitante, per la misura 121, disponibile nel sito web www.apdrp.ro ).
Nella regione Nord-Ovest registrato il maggiore assorbimento dei fondi agricoli
L’Agenzia dei Pagamenti per lo Sviluppo Rurale e la Pesca ha firmato sino ad ora 9.634 progetti per un valore complessivo di oltre 2 miliardi di euro.
La misura più gettonata è stata la 322 – “Rinnovamento e sviluppo dei villaggi, miglioramento dei servizi di base per l’economia e la popolazione rurale e valorizzazione del patrimonio rurale”, la 121 – “Modernizzazione delle attività agricole”, la 123 – “Crescita del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali” e la 313 – “Incoraggiamento delle attività turistiche”.
In relazione alle misure menzionate, questa è la situazione attuale:
Misura 121 - 1.529 progetti per un valore pari a 529,18 milioni di euro;
Misura 123 - 374 progetti per un valore pari a 355,93 milioni di euro;
Misura 313 - 203 progetti per un valore pari a 37,47 milioni di euro;
Misura 322 - 291 progetti per un valore pari a 796,31 milioni di euro.
Nella regione Nord-Ovest sono stati firmati 2.298 progetti (circa il 20% del totale), per una valore pari a circa 413 milioni di euro.
Varie
Variante aggiornata del calendario dei bandi 2010
L’ACIS (Autorità di Coordinamento degli Strumenti Strutturali) ha pubblicato il calendario provvisorio dei bandi relativi a tutti i Programmi Operativi per il 2010.
Secondo le nuove informazioni alcune delle linee di finanziamento, il cui lancio era imminente, registrano dei ritardi.
Le variazioni più importanti riguardano la presentazione dei progetti all’interno del POS CCE. Per esempio, il lancio del bando che sovvenziona gli investimenti delle PMI è stato posticipato di due mesi. Il bando destinato ai piccoli investimenti (con contributo a fondo perduto sino a 250.000 euro) sarà pubblicata a luglio e quello per i grandi investimenti (con contributo a fondo perduto compreso tra 250.000 euro e 1.500.000 euro) a settembre. Inizialmente i due bandi erano previsti per maggio.
Allo stesso modo, i bandi POS DRU verranno lanciati a giugno (e non ad aprile, come previsto inizialmente).
HOME
SPORTELLO BALCANI
BALCANI, TUTTI I PAESI MEMBRI DEL’UE
Nei giorni scorsi, i capi delle diplomazie di Serbia, Spagna e Turchia, riunitisi a Belgrado, hanno dichiarato che tutti i paesi balcanici dovrebbero diventare membri a pieni diritti dell’Unione europea, secondo la visione comune della maggior parte degli Stati Membri. Il presidente del Consiglio dei ministri dell’Unione ha detto che lo scopo della riunione era l’ottenimento di un accordo sull’organizzazione della conferenza sui Balcani occidentali che si terrà a Sarajevo in futuro, preceduto da uno scambio di opinioni sull’accelerazione delle integrazioni europee dei paesi dell’area. 
RICONCILIAZIONE TRA CROAZIA E BOSNIA
Lo scorso 14 aprile il Presidente croato, davanti al parlamento bosniaco, ha espresso la volontà di riconciliazione tra i due Paesi, manifestando il proprio rammarico per il ruolo svolto dalla Croazia nella guerra in Bosnia. Il Commissario all'allargamento e alla politica di vicinato ha dichiarato che tali affermazioni, notevolmente apprezzate dalle istituzioni europee, costituiscono un passo avanti verso la creazione di migliori relazioni nella regione. “I Paesi dei Balcani occidentali hanno avuto un passato difficile e penoso. È importante che il passato non sia un freno per il progresso (dei paesi della regione) verso un futuro comune come membri dell'UE, ha detto. L'adesione all'Unione dipende dalla capacità di ogni paese a soddisfare alle condizioni d'adesione, compresa la cooperazione regionale e il mantenimento di relazioni di buon vicinato. “In questo contesto, le opinioni del presidente Josipovic sono importanti non soltanto per le relazioni tra la Croazia e la Bosnia-Erzegovina ma anche per la regione nell'insieme”, ha detto Füle. 
FORUM PER IL DANUBIO, NUOVA STRATEGIA CONGIUNTA PER LA REGIONE
Lo scorso 15 aprile la vicepresidente della Commissione parlamentare dei trasporti e del turismo ha presieduto una conferenza del forum parlamentare sulla futura strategia europea per la regione del Danubio, organizzata tra il 19 ed il 21 aprile a Vienna e Bratislava, che riguarda, oltre ad otto Stati membri (Germania, Austria, Bulgaria, Ungheria, Repubblica ceca, Romania, Slovacchia e Slovenia) anche Croazia, Serbia, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Moldavia ed Ucraina. La Commissione europea dovrebbe presentare la sua proposta nel dicembre prossimo e la strategia, la seconda esperienza di macro-regione nell'Unione europea, dopo quella del Mar Baltico e fondata sulla neutralità di bilancio, dovrebbe essere adottata entro giugno 2011, durante la presidenza ungherese. La strategia, nell’ambito della quale dovrebbero essere sviluppati tre assi prioritari (il miglioramento dei collegamenti e dei sistemi di comunicazione, la tutela dell'ambiente e la prevenzione dei rischi naturali ed uno sviluppo economico più vigoroso) si fonderà sul principio del bottom up. 
NEWS SERBIA:
INCONTRO ITALO-SERBO SULLA STABILITA’ NEI BALCANI
Lo scorso 15 aprile il vicepresidente del governo serbo e Piero Fassino, membro della Commissione Esteri della Camera dei deputati italiana, si sono incontrati in una riunione in cui è stata ribadita la buona collaborazione tra i due paesi dal punto di vista legale ed istituzionale ed in cui si è discusso dell’attuale situazione a livello balcanico. La soluzione per gli attuali problemi inerenti la stabilità e la sicurezza nella regione sta infatti nelle integrazioni euro-atlantiche dei Balcani, in cui attualmente i problemi più delicati sono la stabilità della Bosnia e la questione del Kosovo.
SERBIA, NUOVO IMPIANTO DI PURIFICAZIONE DELLE ACQUE
Nei giorni scorsi il presidente serbo ha aperto un nuovo impianto per la purificazione delle acque di rifiuto generate dalla birreria di Celarevo, in cui sono stati investiti circa 5 milioni di euro. In occasione dell’inaugurazione di questa struttura è stato affermato che il Governo sta prestando grande attenzione all’ecologia ed alla tutela dell’ambiente, allo scopo di incrementare la qualità della vita ed avvicinarsi agli standard dell’Unione europea, rendendo più veloce il processo di integrazione europea di Serbia. È stata ricordata inoltre l’adozione, da parte dello stato, di nuove leggi in tale settore e l’investimento, nei prossimi mesi, di centinaia di milioni di euro nella purificazione delle acque di rifiuto.
SERBIA, NUOVE NORME IN AMBITO DOGANALE
Il Ministero dell’Interno ha ordinato che i cittadini dell’Unione europea possano attraversare il territorio serbo solamente con le carte d’identità; tale decisione, che resterà in vigore fino al ripristino del regolare traffico aereo nell’Unione europea, è stata presa dopo la specifica richiesta inoltrata da alcune ambasciate dei Paesi Membri, in seguito all’eruzione del vulcano islandese, condizione che sta rendendo difficoltoso il trasporto in tutto il mondo.
SERBIA, COMPLETAMENTO DELL’AUTOSTRADA HORGOS-NOVI SAD 
Lo scorso 16 aprile il vicepresidente del Governo nonché ministro dell’Economia e dello Sviluppo regionale, ha dichiarato che il completamento dell’autostrada da Horgos a Novi Sad darà una grande spinta all’industria edile in Serbia e porterà ad un incremento del lavoro nelle aziende. Nei prossimi giorni sarà inoltre firmato il contratto per la costruzione di tale tratto di autostrada sul Corridoio 10 e della tangenziale sulla tratta Subotica-Kelebija, per un valore complessivo di circa 100 milioni di euro.
NEWS ALBANIA:
ALBANIA: FERREA VOLONTA’ DI ENTRARE NELL’UE
Nei giorni scorsi, a Bruxelles, il Premier albanese si è espresso sulla candidatura all’ingresso del paese nell'Unione europea. In tale occasione il presidente della delegazione del Parlamento europeo per le relazioni con l'Albania, la Bosnia Erzegovina, la Serbia, il Montenegro ed il Kosovo, ha sottolineato favorevolmente i progressi e gli sforzi fatti dall’Albania e quelli ancora in corso, in vista dell’adesione. E’ stato espresso infatti un forte consenso per i progressi fatti, nonostante il clima politico nel paese resti carico di tensioni interne, che potranno in realtà essere di ostacolo all’adesione dell’Albania all’UE.
ITALIA E FRANCIA, APPELLO PER LIBERALIZZARE I VISTI PER BOSNIA ED ALBANIA
Nel corso del vertice italo-francese, tenutosi a Parigi nei giorni scorsi, i ministri degli esteri dei due paesi hanno lanciato un appello per la liberalizzazione dei visti di ingresso nello spazio Schengen per i cittadini bosniaci e albanesi, processo successivo alla revoca dell'obbligo del visto per i cittadini serbi, montenegrini e macedoni. È stato inoltre discusso dei processi di integrazione dei Balcani occidentali nell'Unione europea, con una nota specifica riguardo la Serbia ed il Kosovo, che devono necessariamente risolvere le questioni interne prima di entrare a far parte dell’UE. La Commissione europea, ad inizio giugno, dovrebbe proporre la soppressione dei visti per questi cittadini, nonostante ci sia ancora un discreto numero di criteri che questi paesi devono rispettare in materia di controllo alle frontiere, di passaporti e di lotta alla corruzione. 
NEWS CROAZIA:
CROAZIA, BEI A SOSTEGNO DI NUOVI PROGETTI
Nei giorni scorsi la Banca europea per gli investimenti (BEI) ha accordato un prestito di 250 milioni di euro alla Banca croata per la ricostruzione e lo sviluppo (HBOR), che servirà a finanziare investimenti di imprese nei settori dell'industria e dei servizi, compreso il turismo, nel settore dell'energia, della tutela dell'ambiente, della sanità e dell'istruzione. La BEI ha anche accordato un prestito di 34 milioni di euro che servirà a finanziare l'ammodernamento di una fabbrica esistente di cloruro di vinile monomerico (CVM) e la costruzione di un nuovo impianto di produzione di polivinile (PVC), per far fronte alla domanda nazionale ed internazionale di PVC, che si iscrivono nel quadro della politica industriale della Croazia, allo scopo di differenziare e sviluppare l’industria manifatturiera locale. 
CROAZIA, NUOVO PROGRAMMA PER LA RIPRESA ECONOMICA
Lo scorso 19 aprile il Premier croato ha presentato il nuovo programma per la ripresa economica, che si divide in obiettivi a breve termine (da realizzarsi entro la fine del 2010), a medio termine (entro l'adesione all'Unione europea) ed a lungo termine (che dovrebbero essere realizzati entro il 2020). Il nuovo programma riguarda prevalentemente la politica fiscale, sia a livello privato che di bilancio pubblico, ma anche il mercato del lavoro, con tutti i settori che esso a sua volta coinvolge, e la riorganizzazione del sistema previdenziale. 
HOME
SPORTELLO USA
Eurosportello Veneto-Stati Uniti nasce per dare assistenza e supporto informativo alle PMI Venete interessate ad investire e/o ad esplorare ed operare nel mercato americano. Con l’obiettivo di promuovere e rafforzare la cooperazione transatlantica, lo sportello fornisce informazioni ed assistenza anche ad imprese americane interessate a diverse forme di cooperazione transatlantica orientandone il focus e gli obiettivi verso il territorio veneto.
Lo Sportello ha base a New York ed è il frutto di un accordo di collaborazione con l’unico ufficio della rete europea Enterprise Europe Network (EEN) presente negli Stati Uniti. Lo sportello opera coordinandosi con le istituzioni italiane, con la rete delle camere di Commercio Italiane negli Stati Uniti e con istituzioni e soggetti americani attivi nel sostegno all’imprenditoria. La costituzione e il rafforzamento di tale network sono condizione necessaria per stimolare e partecipare attivamente al Programma europeo di cooperazione transatlantica, fornendo in questo modo alle imprese strumenti e opportunità concrete di confronto costruttivo attraverso la presentazione di progetti condivisibili soprattutto nell’ambito della Ricerca e dell’innovazione.

Eurosportello Veneto - USA
c/o EABO (European American Business Organization)
Tel: +1 347 821 2384 
Fax: +1 212 972 3026
E-mail: debacco@eurosportelloveneto.it
Referente: Beatrice De Bacco
INIZIATIVE DI PROSSIMA ATTUAZIONE
ECCELLENZE VENETE A NEW YORK 
CONEY ISLAND – ALTAVILLA VICENTINA – AL VIA IL LUNA PARK COMPLETAMENTE RINNOVATO E GESTITO DAL GRUPPO ZAMPERLA
La prossima destinazione del signor Zamperla sarà Coney Island a Brooklyn, dove fra poche settimane presenterà il nuovo parco divertimenti con 22 attrazioni. La consegna e’ prevista per fine maggio. Coney Island e il più grande investimento in 50 anni di storia del Gruppo Zamperla classificato tra i primi cinque costruttori di giostre al mondo.
Zamperla e l'azionista di maggioranza del Central Amusement International, la società del New Jersey che ha firmato a febbraio l’accordo con la citta di New York per costruire e gestire il parco divertimenti in affitto per 10 anni in un lotto di proprietà della città di NY.
Finora il Central Amusement International ha speso 15 milioni di dollari per l'ammodernamento del Parco, la metà circa dei 30 milioni $ che prevede di investire. 
I parchi a tema e i parchi divertimento attraggono circa 758 milioni di visitatori da tutto il mondo e le entrate nel 2007 sono state pari a 24 miliardi di $
Il Progetto di Coney Island si chiamerà Luna Park riprendendo quello che era il suo nome fino alla II guerra mondiale, l’accesso dalla Surf Avenue avverrà attraverso la luccicante storica porta che manterrà il design originale.
Mini MBA nel settore Biomedicale 6 - 10 giugno 2010, Technology Center of New Jersey
Si sta concludendo la prima fase del programma “mini MBA per imprenditori nel settore biomedicale”. La seconda fase, che si terrà dal 6 all’11 giugno p.v., e’ in corso di definizione ed e’ ancora possibile aderirvi. Al programma si può partecipare gratuitamente (non sono coperte le spese di viaggio). Candidati ideali sono le imprese del settore biomedicale e delle bioscienze interessati ad entrare nel mercato americano e/o organizzazioni (parchi scientifici e incubatori ) interessati ad avviare rapporti di collaborazione nel New Jersey.
Pilot Project: Metodologia transatlantica per la gestione delle sfide globali nell’UE e gli USA
Obiettivo generale del progetto pilota, creato per iniziativa del Parlamento Europeo, è di promuovere la comprensione reciproca e di apprendimento tra i ricercatori e i polcymaker comunitari e americani su alcune sfide di dimensione globale. Verranno finanziati progetti innovativi di cooperazione tra Europa e Stati Uniti che abbiano l’obiettivo di promuovere approcci comuni e più efficaci per vincere le principali sfide di politica internazionale. Cinque progetti sono stati realizzati nel biennio 2008-2009. Per il periodo 2009-2011 si parla di sette progetti da selezionare.
La scadenza per presentare le proposte e’ il 27 maggio 2010
http://ec.europa.eu/external_relations/us/grants/pilot_projects/index_en.htm 
Prossimi Eventi
Forum AAAS 13 – 14 maggio 2010 Washington
Il Forum annuale sulle politiche per la ricerca scientifica e tecnologica si terrà a Washington DC il 13-14 Maggio p.v. Il Forum riunisce tutti coloro che sono interessati a questioni di politiche pubblice nell’ambito della scienza e dell’ingegneria, e le istituzioni di istruzione superiore. Keynote speaker di quest'anno sarà John Holdren, assistente del Presidente Obama per la Scienza e la Tecnologia e Direttore dell’Ufficio di politica scientifica e tecnologica.
Ricerca biotecnologica per un mondo complesso 2 giugno 2010 Barcellona - Spagna
In occasione del 20 ° anniversario della Task Force EU-US sulla ricerca biotecnologica gli scienziati europei e statunitensi discuteranno una visione per il futuro della ricerca biotecnologia, la bioeconomia e le sue applicazioni per il bene della società. La conferenza vuole stimolare le comunità scientifiche delle due sponde dell'Atlantico ad ampliare il loro pensiero oltre le specifiche discipline scientifiche e ad individuare congiuntamente la più grande sfida della società nei prossimi 20 anni per i quali la collaborazione transatlantica scientifica potrebbe accelerare la strada da percorrere per trovare soluzioni. 
HERO Database - EPA (Enironmental Protection Agency)
In linea con l’orientamento del governo americano verso un amministrazione trasparente, l'Environmental Protection Agency (Agenzia per la tutela ambientale) ha realizzato il data base HERO (ricerca on-line salute e ambiente) che fornisce l'accesso a più di 300.000 citazioni di studi scientifici utilizzati dall’Agenzia per la messa a punto di regolamenti strategici in materia.
www.whitehouse.gov/omb/assets/memoranda_2010/m10-06.pdf 
www.epa.gov/hero/ 
HOME
 SPORTELLO APRE
EVENTO ICT - BRUXELLES, 27-29 SETTEMBRE 2010 
La Commissione Europea sta organizzando, dal 27 al 29 settembre prossimi, presso l’EXPO di Bruxelles, “ICT 2010”, un evento biennale che si focalizzerà sulle priorità delle politiche europee legate all’ICT, quali l’Agenda Digitale dell’Europa ed il prossimo programma finanziario dell’Unione europea per il finanziamento della ricerca e dell’’innovazione nell’’ICT. I partecipanti a questo forum avranno la possibilità di conoscere gli ultimi sviluppi in merito alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione; conoscere le priorità europee per il biennio 2011-2012 (in cui verranno destinati quasi 3 milioni di euro) e conoscere potenziali partner nella sessione dedicata al network. Per ulteriori informazioni: 
http://ec.europa.eu/information_society/events/ict/2010/  
INTELLIGENT ENERGY: NUOVO BANDO DI CONCORSO
La Commissione europea ha recentemente lanciato un bando nel programma di lavoro di Intelligent Energy all’interno del programma CIP (Competitivness and Innovation Framework). Le proposte devono essere presentate entro il 24 giugno 2010
Per ulteriori informazioni sul bando e sugli infodays organizzati a livello nazionale e regionale:
http://ec.europa.eu/energy/intelligent/call_for_proposals/index_en.htm  
L’EUROPA E GLI IMPEGNI FINANZIARI IN R&S: L’OPINIONE DEI MINISTRI DELL’ECONOMIA
Il Consiglio Economia e Finanza dell’Unione Europea, Ecofin, ha discusso il 16 marzo a Bruxelles, gli impegni finanziari adottati con la strategia Europa 2020.
In tema di ricerca e innovazione i Ministri degli Stati Membri hanno espresso i loro dubbi alla decisione di destinare il 3% del PIL al settore R&S e hanno chiesto nuove misure per promuovere l’innovazione, con un’attenzione particolare all’inclusione sociale, con un orientamento verso i risultati piuttosto che verso la spesa.
La richiesta di un “esame urgente” e di una più ampia gamma di indicatori per misurare R&S mette il Consiglio Europeo in rotta di collisione con l’esecutivo UE. La cifra del 3% è difatti uno dei cinque obiettivi primari della strategia “Europa 2020” fermamente sostenuto dalla Commissaria UE per la ricerca e l’innovazione Máire Geoghegan-Quinn che, al Consiglio di Lisbona del 5 marzo, ha definito tale vincolo essenziale per riportare l’Europa con fermezza sulla strada della ripresa economica.
La posizione dei ministri dell’economia è riluttante nei confronti di promesse di spesa supplementari, in un momento in cui i bilanci di tutti i paesi UE sono sotto pressione.
La Commissaria Geoghegan-Quinn aveva già messo in luce le differenti visioni che esistono tra i ministeri della ricerca e i ministeri delle finanze in tutta Europa e aveva annunciato di voler istituire un gruppo di esperti per esaminare nuovi indicatori e benchmark, comparabili a livello internazionale, utili per la valutazione del livello di innovazione.
Le conclusioni dell’Ecofin sottolineano la necessità di porre le finanze pubbliche su percorsi sostenibili e invitano l’esecutivo UE a pubblicare, entro maggio, una relazione sui principali ostacoli alle riforme strutturali, rispettando i tempi dettati dalla strategia 2020. Intanto la Commissaria prevede di presentare a settembre un ampio e globale piano per la ricerca e l’innovazione.
IL PIANO DI LAVORO 2010 DELLA COMMISSIONE EUROPEA: “TIME TO ACT”
Il 31 marzo la Commissione Europea ha comunicato il suo Piano di Lavoro 2010 intitolato Time to Act che si articola intorno al primo atto politico dell’esecutivo europeo: “Europe 2020 – a strategy for smart, sustainable and inclusive growth”.
Forte dell’approvazione ricevuta a fine marzo dal Consiglio di Primavera dell’Unione Europea, la CE si accinge, con tale atto, ad avviare le azioni necessarie per raggiungere gli obiettivi che ha prefissato per la prossima decade.
Time to Act contiene 34 azioni concrete che saranno avviate nel 2010 e altre 280 idee per il futuro, che saranno già discusse nei prossimi mesi. Con il nuovo piano di lavoro la Commissione mostra la fattibilità delle flagship initiatives enunciate nella UE 2020, in attesa del definitivo supporto da parte del Consiglio Europeodi giugno.
Le azioni prioritarie si articolano su 4 assi principali:
  1. Gestire la crisi sostenere l’economia sociale di mercato dell’Europa.
  2. Costruire un programma per i cittadini che ponga la gente al centro dell’azione Europea.
  3. Sviluppare un programma internazionale ambizioso e coerente con ricadute globali.
  4. Modernizzare gli strumenti e i modi di lavorare nell’UE.
Le politiche di ricerca sono principalmente concentrate nell’iniziativa strategica numero 11: A European plan for research and innovation.
Il piano europeo per la ricerca e l’innovazione servirà ad attuare la Innovation Union, annunciata nella UE 2020, principalmente attraverso il miglioramento delle condizioni del programma quadro. Il piano proporrà un indicatore per monitorare l’innovazione, specificherà il quadro politico per lo sviluppo di nuove partnership di ricerca, sosterrà lo sviluppo delle tecnologie di base. Lo scopo preminente è ottimizzarne le condizioni generali per rafforzare, semplificare e sviluppare ulteriormente la portata degli strumenti UE a sostegno di ricerca e innovazione. Sulla base dello studio del Piano d’azione per le tecnologie ambientali (2004-2009), l’eco-innovazione sarà particolarmente presa in considerazione.
Nel documento si propone, inoltre, una raccomandazione del Consiglio sui Joint Programming sul tema Agriculture, food security, and climate change. Come indicato in Europa 2020, infatti, la Commissione si adopererà per completare lo Spazio europeo della ricerca (SER) in particolare rafforzando la programmazione congiunta con gli Stati Membri.
I temi in relazione alla sicurezza alimentare e l’impatto del cambiamento climatico sull’agricoltura sono stati identificati come una delle principali sfide della società europea.
La futura proposta della Commissione per l’8° Programma Quadro dell’UE, 2014-2020, conterrà gli orientamenti principali ma verrà ulteriormente dettagliata in una serie di proposizioni sui programmi specifici e sulle norme di partecipazione.
Molto peso avranno anche i risultati della valutazione mid-term realizzati sul 7°PQ, che saranno pubblicati molto probabilmente, il prossimo autunno.
WIRE, WEEK OF INNOVATIVE REGIONS-GRANADA
Si è svolta dal 14 al 17 marzo a Granada la conferenza WIRE organizzata dalla Presidenza Spagnola dell’UE interamente dedicata alle politiche europee di ricerca per l’innovazione regionale. L’evento è stata l’occasione per discutere le forze e le debolezze dei programmi Research Potential (RegPot) e Regions of Knowledge (RoK) del Settimo Programma Quadro e il loro auspicabile sviluppo. I risultati delle discussioni saranno punto di partenza dei prossimi dibattiti della WIRE 2011 che si svolgerà in Ungheria.
WIRE ha visto un’alta partecipazione da parte della Commissione Europea, dei rappresentanti istituzionali degli Stati Membri (ministeri, enti locali e agenzie di sviluppo e ricerca regionali) nonché dei ricercatori sia nelle vesti di esperti dei programmi in discussione (differenti sessioni sono state infatti dedicate alla presentazione di Best Practice) sia in qualità di portavoce delle esigenze del territorio.
Le agende delle tre giornate sono state articolate intorno ad un tema comune: identificare le sinergie presenti tra differenti schemi di finanziamento e programmazioni politiche (europee, nazionali e regionali) e discutere come utilizzare al meglio il potenziale di ricerca regionale e renderlo parte attiva dell’ERA.
Le presentazioni hanno messo in evidenza che, a causa di un budget troppo limitato, i programmi RegPot e Rok non hanno un forte impatto né a livello europeo né a livello nazionale. E’ stato sottolineato più volte, infatti, che ogni anno numerosi progetti, seppur d’eccellenza, non vengono finanziati per mancanza di risorse economiche. Oltre a ciò è emersa l’urgenza di un maggior dialogo tra i diversi livelli decisionali politici soprattutto per valorizzare i risultati dei progetti già finanziati. L’esigenza di nuove idee di innovazione nelle regioni è apparsa necessaria soprattutto per aumentare la presenza dell’Europa nella ricerca locale (più approcci top-down), sia per una maggiore presenza delle regioni nella definizione delle politiche europee (per esempio più coinvolgimento del Comitato delle regioni nella definizione dei programmi di ricerca o un ruolo chiave delle regioni nella strategia Europa 2020).
Anche il tema della cooperazione transfrontaliera nella ricerca è stato ampiamente discusso in quanto elemento essenziale del VII PQ ma meno sostenuto a livello nazionale e regionale. Difatti i fondi gestiti dagli Stati Membri puntano per lo più ad una ricerca centrata sul proprio territorio piuttosto che sostenere azioni cross-border.
Infine, due elementi chiave sono emersi per sfruttare al massimo le sinergietra i finanziamenti alla ricerca:
  1. un forte coordinamento nazionale (attraverso, per esempio, più consultazione e monitoraggio dell’implementazione delle politiche),
  2. l’importanza di una disseminazione più efficiente delle good practice, anche quando provenienti da schemi e programmi differenti.
Tra le conclusioni maggiormente condivise c’è il bisogno di considerare il tessuto economico locale con programmi più business oriented, che diano cioè fiducia agli investimenti privati, soprattutto alle PMI. Tra gli ostacoli di certo c’è la grande varietà degli attori coinvolti, da cui deriva il ruolo di collante che l’UE dovrà intensificare.
Tra le proposte più innovative per il futuro c’è la possibilità di spostare i programmi regionali del 7° PQ sotto altre DG o utilizzare altri budget, come i fondi strutturali, per finanziare i progetti eccellenti, non finanziabili con le risorse della Direzione Ricerca.
Attraverso un bando del piano di lavoro 2010 dei programmi regionali del 7°PQ, si è istituito un gruppo di lavoro composto da 10 membri per valutare quanto realizzato fino ad oggi. La prima riunione del panel si terrà tra aprile e maggio. Bisognerà attendere i risultati della valutazione (prossimo autunno)
per avere idee più precise sul futuro degli strumenti a sostegno della ricerca europea nelle regioni.
LA SETTIMANA EUROPEA DELLE PMI 2010: 25 MAGGIO-1 GIUGNO
La Settimana Europea delle PMI 2010 si concretizza in una campagna paneuropea che coinvolge 37 paesi e che prevede, in maniera totalmente decentralizzata, una serie di eventi ed attività volti ad avvicinare potenziali ed esistenti imprenditori tra di loro. Gli eventi saranno organizzati a livello nazionale, regionale o locale da organizzazioni professionali, fornitori di servizi, così come autorità nazionali, regionali e locali operanti nei paesi partecipanti.
Questi eventi sono anche pensati per offrire alle PMI un’occasione di condivisione delle esperienze consentendo di trarre spunti utili per sviluppare ulteriormente i loro affari.
NUOVA COMPOSIZIONE PER IL CEPR
E’ stato ricostituito, e si è insediato nella sua nuova composizione il CEPR, il Comitato di esperti per la politica della ricerca, istituito presso il MIUR con decreto legislativo n. 204 del 1998.
Organo consultivo del Governo in materia di politica della ricerca, nazionale e internazionale, il CEPR è composto da nove esperti nominati con decreto del Presidente del Consiglio, su proposta del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, scelti tra personalità di alta qualificazione del mondo scientifico, tecnologico e culturale. Ne fanno parte: Claudio Bordignon, Irene Bozzoni, Nicola Cabibbo, Giacinto Della Cananea, Fabiola Gianotti, Alberto Mantovani, Carlo Rizzuto, Marina Ruggieri e Salvatore Settis.
Alla vicepresidenza del CEPR, è stato nominato Alberto Mantovani, Prorettore alla ricerca dell’Università degli Studi di Milano. Il Comitato avrà tre compiti principali: proporre le linee della riforma dell’Università; stabilire come dovrà essere valutata la ricerca (sta per entrare in attività l’ANVUR, l’organismo che ha questo compito); proporre le linee per la riforma degli Enti pubblici di ricerca.
Il Comitato è solo consultivo. Ma dovrà fare in modo che le sue proposte per una politica nazionale della ricerca vengano effettivamente accolte e realizzate. Il CEPR opererà con la collaborazione organizzativa della Segreteria tecnica del Ministro, coordinata dal Professor Alessandro Schiesaro.
COMUNICAZIONE DG "SOCIETÀ DELL'INFORMAZIONE E MEZZI DI COMUNICAZIONE"
La Commissione europea ha deciso di nominare direttore generale della DG "Società dell'informazione e mezzi di comunicazione" Robert Madelin, in sostituzione di Fabio Colasanti, in pensione dal 1º aprile. La Commissione ha inoltre nominato direttore generale della DG "Salute e consumatori" Paola Testori Coggi, in sostituzione di Robert Madelin. Entrambe le decisioni sono in vigore dal 1º aprile.
http://europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=IP/10/399&format=HTML&aged=0&language=IT&guiLanguage=en  
VISUALIZZA TUTTI I BANDI DI RICERCA APERTI
HOME
OPPORTUNITA' DI STAGE ALL'ESTERO, A CURA DI EUROCULTURA
Eurocultura, fondata nel 1993, è un'associazione culturale con sede a Vicenza, che si è assegnata il compito di facilitare i propri soci nella realizzazione di attività di lavoro, stage, volontariato e formazione all'estero. Il suo obiettivo è di fornire un quadro completo sia delle opportunità all'estero sia delle difficoltà da superare, il che permette ai soci di trovare l'offerta adeguata alle proprie necessità.

Eurocultura
Via del Mercato Nuovo, 44/G
36100 Vicenza
Tel. 0444 - 964 770
Fax 0444 - 960 129
E-mail info@eurocultura.it
Website www.eurocultura.it
OPPORTUNITA’ DI STAGE
Stage nello sviluppo e la cooperazione a l'Aja (Paesi Bassi)
Fondata nel 2005, Spanda è un’organizzazione non governativa impegnata in diverse aree: sviluppo delle comunità, sviluppo economico, sostegno all’istruzione, protezione dell’ambiente, ecologia, aiuto alle fondazioni, impegno sanitario, difesa dei diritti umani e civili, gestione dell’immigrazione, cooperazione internazionale, assistenza legale, risoluzione dei conflitti, tematiche di genere.
Compiti del tirocinante:
  • Assistenza nella raccolta dei fondi e dei finanziamenti per sostenere i programmi;
  • Assistenza nella ricerca di partner in fondazioni, corporazioni, governi e donatori;
  • Assistenza nella pianificazione e nell’implementazione di campagne di raccolta fondi;
  • Pianificazione degli eventi.
Requisiti del tirocinante:
  • Spiccate doti di scrittura;
  • Doti interpersonali e di comunicazione per gestire situazioni confidenziali e sensibili;
  • Inglese fluente; francese/olandese considerate un vantaggio in fase di selezione;
  • Capacità nelle pubbliche relazioni.
Spanda accetta tirocinanti durante tutto l’arco dell’anno, per un minimo di tre mesi. Gli orari sono flessibili, da gestire da lunedì a venerdì, dalle 9 e mezza alle 17.
Per candidarsi inviare un CV e una lettera di presentazione a Dr Sahlan L. Momo
interns@spanda.org
, corredandoli con alcune referenze.

Spanda Foundation
Postal Address
BO. Box 18543
70, Laan van Meerdervoort 
NL - 2502 EM The Hague
tel.: +31 (0) 70 35 60 403
fax: +31 (0) 70 36 29 848
www.spanda.org  
BUONO A SAPERSI
Fasi all’estero
Si possono distinguere varie fasi nella costruzione di un’esperienza all’estero. Fasi che sono complesse nel caso di una permanenza lunga come quelle per il lavoro qualificato, lo studio universitario o il volontariato di un anno. Fasi che però hanno qualche importanza anche nei casi di una durata ridotta dell’ attività fuori dai confini nazionali. 
1. prepararsi                      creare serenità
2. fare i primi passi            evitare i traumi
3. verifica in itinere            aggiustare il tiro
4. prepararsi al rientro        riaggancio
5. reinserirsi a casa            centrare l’atterraggio

Nella fase 1 si tratta di informarsi bene su tutti gli aspetti del trasferimento in un paese specifico, portandosi in uno stato di tranquillità emotiva.
La fase 2, cioè l’inserimento sul posto può essere vissuto senza traumi da stress culturale e linguistico, stress di ricerca stanza, stress di ricerca del lavoro, trovando giorno per giorno le soluzione adatte.
La fase 3 è sempre in agguato: per raggiungere gli obbiettivi prefissati serve verificare regolarmente i progressi compiuti, sia in termini di qualità della vita sia in quelli lavorativi e personali.
La fase 4 inizia quando si prende la decisione di tornare a casa, cioè qualche tempo prima del rientro vero e proprio. Si tratta allora di intensificare i contatti mantenuti con la madrepatria, dagli amici agli ex-colleghi di lavoro. 
Fatto bene questo “riaggancio”, la fase 5 si traduce in un atterraggio morbido nel cortile di casa. La casa è già pronta, le prime settimane passano velocemente con gli inviti degli amici, il lavoro inizia senza perdite di tempo.
WORKSHOP
Il servizio Informacittà del comune di Bassano del Grappa, in collaborazione con l'Associazione Eurocultura, organizza: 
Moving the world

Destinazione Spagna
6 maggio 2010, ore 20.30 
Informacittà
Piazzale Trento 9/a 
Bassano del Grappa (VI)
tel. 0424 237584
informacitta@comune.bassano.vi.it 
Expo, giochi olimpici, Guggenheim, Pepe Carvalho, Alta Velocità Madrid-Sevilla-Barcelona, ponte verso l’America latina: queste poche parole bastano per capire quanto la Spagna è cambiata negli ultimi vent’anni. Da un paese caratterizzata da una forte emigrazione verso l’Europa del nord si è trasformata in uno dei paesi più moderni del continente.
Una volta solo terra per il turismo, oggi le università accolgono non solo migliaia di studenti Erasmus ma sempre di più offrono master prestigiosi. L’offerta per imparare la lingua è infinita, da Valencia a San Sebastian, da Barcellona a Madrid. 
Le opportunità nel volontariato spaziano da parchi naturali a centri per rifugiati e enti per bambini diversamente abili. Gli stage sono diffusi negli alberghi e in tutto il tessuto turistico, ma anche nelle aziende di consulenza delle grande città e nelle grande aziende industriali. 
La Spagna però sta pagando un alto prezzo in termini di lavoro. La crisi ha aumentato la disoccupazione a quasi 20%, raddoppiando in meno di due anni. 
La conferenza “Destinazione Spagna” indica le strade utili per verificare la fattibilità del proprio desiderio fornendo le informazioni e i consigli giusti.
Il relatore Bernd Faas opera da oltre 20 anni nel settore della mobilità internazionale. La sua esperienza professionale riguarda l´orientamento, la preparazione e la realizzazione di attività nell’ambito del lavoro, stage, formazione,e volontariato all´estero.
Europa: Istruzioni per l´uso
Urban Center O.A.S.I, Thiene
Gruppi di lavoro sui temi della Mobilità Internazionale
Il consulente Bernd Faas di Eurocultura approfondirà argomenti e temi insieme a chi desidera fare un´esperienza fuori dall´Italia per costruire un proprio progetto di lavoro, stage, volontariato o formazione.
16 maggio 2010
15.00-17.00 Volontariato all'estero 
17.15- 18.45 Corsi di lingua all'estero 
Gli incontri saranno a numero chiuso e saranno ammesse non più di 15 persone.
Iscrizioni:
Urban Center O.A.S.I. Europa
Thiene (VI)
tel. 0445-804749
urbancenter@comune.thiene.vi.it 
Regno Unito
Workshop “Careers Abroad”
sabato, 8 maggio 2010, 10.00-16.00, Vicenza
Il Regno Unito è uno dei paesi più attraenti per chi cerca lavoro all’estero per almeno tre ragioni:
  • per molti anni l’economia britannica era caratterizzata da una crescita superiore alla media europea e da una bassa disoccupazione. Finita l'attuale crisi, il paese avrà tutte le carte in regola per tornare ad essere l'approdo per decine di migliaia di lavoratori qualificati all'anno;
  • numerose compagnie internazionali privilegiano Londra come sede degli affari con il mondo anglosassone e comunitario; 
  • in diversi settori le imprese d’oltremanica patiscono anche oggi la carenza di personale qualificato. 
Parecchi italiani sono in grado di inserirsi nel mondo del lavoro del Regno Unito grazie alla diffusa padronanza dell’inglese unita ad una rilevante formazione ed esperienze maturate in Italia.
Nel workshop "Careers abroad" Bernd Faas, esperto di mobilità internazionale, illustra in dettaglio come impostare la ricerca del lavoro sin dall'inizio: dalla raccolta di informazioni alla preparazione linguistica ed interculturale, da una ricerca mirata alla presentazione della candidatura. Vengono inoltre suggerite soluzioni adeguate per affrontare i principali problemi connessi con il lavoro e la vita nel Regno Unito, favorendo il risparmio di tempo e risorse.
Per ulteriori informazioni:
www.eurocultura.it 
HOME
INFORMAZIONI SPECIALIZZATE DALL’UE, IN COLLABORAZIONE CON EUROREPORTER
La Redazione di Eurosportello Informa, grazie alla collaborazione con Euroreporter, web site per “l’informazione europea su misura”, offre una rubrica di approfondimenti tematici dall’ Europa su: evoluzione normativa, giurisprudenza, consultazioni pubbliche, regolamentazione tecnica, progetti tansfrontalieri, conferenze e altri eventi, partenariati e accordi di settore, studi e rapporti di organismi pubblici o privati, posizioni delle associazioni di categoria europee o nazionali, azioni politiche e di lobbying, reazioni comunitarie ad iniziative nazionali o viceversa, progressi tecnologici, tendenze di mercato.
Per visualizzare l’elenco cliccare il seguente link:
www.euroreporter.eu.
HOME
CONTATTI
Per non ricevere la newsletter cliccare QUI

Eurosportello informa - Anno XIV N 8 – 2010
Pubblicazione quindicinale di Eurosportello del Veneto
Via delle Industrie 19/d 30175 Venezia-Marghera Tel.041/099941 – Fax. 041/0999401
Website www.eurosportelloveneto.it E-mail: europa@eurosportelloveneto.it

Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1376 del 15/12/00

Direttore Responsabile: Gian Angelo Bellati
Comitato di redazione: Roberta Lazzari, Francesco Pareti

Hanno collaborato: Andrea Baggioli, Roberto Bassetto, Michela Bergamin, Sara Codognotto, Rossana Colombo, Beatrice De Bacco, Erica Holland
Laura Manente, Filippo Mazzariol, Daniela Nardello, Matteo Peri, Brankica Raskov, Samuele Saorin, Alessandra Vianello, Alessandro Vianello

HOME