Numero 3

15 febbraio 2010

SOMMARIO:
Iniziative prossima attuazione
Normativa Comunitaria
Approfondimenti
Gare d'appalto
Ricerca Partner
Bandi Europei
Bandi Fondi Strutturali
Euro Cooperazioni
Sportello Europa Romania
Sportello Balcani
Sportello USA
Sportello APRE
Eurocultura
Informazioni specializzate dall'UE, in collaborazione con  Euroreporter
Contatti

Hannover Messe 2010 – Evento B2Fair 
Hannover, 19-23 aprile 2010

Desideriamo informarVi che la Camera di Commercio del Granducato di Lussemburgo, Deutsche Messe di Hannover e Handwerk International Baden-Württemberg di Stoccarda in collaborazione con i partner della rete comunitaria Enterprise Europe Network (Italia, Germania, Lussemburgo, Federazione Russa, Turchia, Repubblica Ceca, Latvia, Bulgaria, Danimarca, Lituania, Slovenia, Svezia, Regno Unito, Slovacchia, Romania, U.S.A., Grecia, Polonia, Ucraina, Irlanda, Portogallo, Svizzera), organizza l’evento B2fair Hannover Messe 2010.
Obiettivo principale di B2Fair è di incentivare la cooperazione transnazionale e di aumentare la competitività e la crescita delle PMI tramite l’organizzazione di incontri di business to business nell’ambito di importanti eventi fieristici e convegni internazionali.  
In questo contesto Unioncamere del Veneto – Eurosportello invita le aziende venete operanti nei seguenti settori:  
  • automazione industriale
  • automazione motorizzata
  • digitale
  • subfornitura
  • nanotecnologia
  • ricerca e sviluppo con un focus in materia di energia  

a partecipare alla manifestazione fieristica Hannover Messe 2010 e al relativo evento di partenariato che si terrà ad Hannover nei giorni 19, 20, 21, 22, 23 aprile 2010.  
L’evento offre l’opportunità di entrare in contatto diretto con numerose aziende che operano nei settori sopra elencati provenienti da diversi Paesi europei ed extraeuropei. Rappresenta quindi una proficua occasione per incentivare lo sviluppo di relazioni commerciali e di cooperazione.  
Gli incontri bilaterali/commerciali tra le aziende si baseranno su un’agenda di lavoro personalizzata e prestabilita secondo le richieste di collaborazione della Vostra azienda.
La durata degli incontri bilaterali sarà di 30 minuti con una pausa di 15 minuti tra uno e l’altro.  
Per i visitatori, gli incontri bilaterali avranno luogo in un’area adibita “Global Business & Markets” nella Hall n. 27. Per quanto riguarda i B2B sul trasferimento tecnologico l’area adibita sarà la Hall n. 2 presso la NBank (stand D12).  
Gli espositori hanno la possibilità di effettuare i propri incontri bilaterali presso il proprio stand; gli incontri bilaterali tra due espositori si terranno nello stand dell’espositore richiedente.  

L’iscrizione all’evento è soggetta al pagamento di:  
- 175,00 € + IVA 19% per gli espositori (Tot. 208,25 €)  

-
250,00 € + IVA 19% per i visitatori (Tot. 297,50 €)  
Per ogni azienda partecipante
l’iscrizione da’ diritto a:  
Ø
agenda personalizzata di incontri bilaterali  
Ø
visibilità nel portale B2Fair  
Ø
entrata alla fiera per due persone per azienda  
Ø
assistenza prima, durante e dopo l’evento da parte dell’Unità di Coordinamento B2Fair e dal partner italiano
Ø
servizio di interpretariato se richiesto  
Ø r
efreshments durante gli incontri bilaterali  
Ø 
nvito alla Cerimonia di Premiazione con buffet serale il 21 aprile 2010  
Ø 
servizio navetta (solo per chi alloggia in uno degli alberghi convenzionati)  
Qualora interessati, Vi chiediamo gentilmente di inviare la scheda di adesione compilata a Unioncamere del Veneto – Eurosportello entro il 5 marzo 2010 al seguente numero di fax 041 0999401 o via e-mail rossana.colombo@eurosportelloveneto.it.  
Per validare la registrazione effettuata da Unioncamere del Veneto-Eurosportello nel sito dedicato all’evento dovrete effettuare il pagamento con la Vostra carta di credito utilizzando il nome utente e la password che provvederemo a comunicarVi.  
Per maggiori approfondimenti sull’evento in oggetto, Vi consigliamo di consultare il portale dedicato http://www.b2fair.com/HannoverMesse2010/?L=044&A=100 e per maggiori chiarimenti sulla fiera il portale http://www.hannovermesse.de/homepage_e  
Per ulteriori informazioni contattare Rossana Colombo – Roberto Bassetto - tel. 041 0999411; rossana.colombo@eurosportelloveneto.it e roberto.bassetto@eurosportelloveneto.it.  

 

HOME

 

 

INIZIATIVE DI PROSSIMA ATTUAZIONE

 

LINK AD ALTRE INIZIATIVE:
APPELLO ALLA MANIFESTAZIONE D’INTERESSE - FORNITURA DI SERVIZI SPECIALISTICI E DI CONSULENZA PER UNIONCAMERE DEL VENETO - EUROSPORTELLO DEL VENETO
PROGRAMMA "ERASMUS PER GIOVANI IMPRENDITORI"
WOMEN AMBASSADOR IN ITALY - PROGETTO WAI

SARAJEVO VINO FEST – INTERNATIONAL WINE FESTIVAL SARAJEVO(BOSNIA-HERZEGOVINA), 18-19 FEBBRAIO 2010

CORSI DI FORMAZIONE DAL TITOLO “I NUOVI ORIZZONTI DELLA SCIENZA NELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE – ALLA SCOPERTA DELLE NANOTECNOLOGIE” - RONCADE-TREVISO (CÀ TRON) PRESSO INTERNATIONAL CAMPUS FOR NANOTECHNOLOGIES – ICN

ATHETHI 2010” – 13° Fiera internazionale del mobile, dell’arredamento e dell’artigianato 
Sousse (Tunisia), 25 marzo- 5 aprile 2010

Dal 25 marzo al 5 aprile 2010 si terrà presso la Fiera Internazionale di Sousse il 13° Internazionale del mobile, dell’arredamento e dell’artigianato. Eurosportello del Veneto che dispone di una rete di contatti istituzionali ed imprenditoriali   in loco, invita tutte le aziende del settore interessate a manifestare la propria volontà a partecipare   a questa importante fiera di settore del il Nord Africa. Le possibilità di partecipazione comprendono l’organizzazione di stand (anche collettivi) e l’assistenza necessaria per partecipare ad incontri bilaterali di tipo commerciale. Termine ultimo per manifestare interesse ad Athethi 2010 è il 1 marzo 2010. Per eventuali ulteriori informazioni contattare il dott. Roberto Bassetto - tel. 041 0999411; e-mail: roberto.bassetto@eurosportelloveneto.it.

“ENERSOL EXPO” – Tunisi (Tunisia), 7-10 aprile 2010 – 1° Fiera internazionale delle energie rinnovabili

Dal 7 al 10 aprile 2010 si terrà presso Il Parco delle Esposizioni e Centro di Commercio Internazionale di Tunisi (35.000 mq. distribuiti in 3 hall) la 1 ° Fiera internazionale delle energie rinnovabili.  
Organizzata in collaborazione con la Camera di Commercio Nazionale della Tunisia in un clima 
politico-economico molto favorevole, che vede incentivi economici e grandi progetti di infrastrutture, questa prima fiera vuole incentivare l’utilizzo delle energie rinnovabili quali il solare, l’eolico e le bioenergie.  
Gli incentivi economici vanno dal Piano Solare del Governo della Tunisia al Prosol Tunisie – meccanismo del Ministero dell’Ambiente italiano in collaborazione con il Governo della Tunisia per incentivare lo sviluppo del solare termico in Tunisia. 
Saranno organizzate conferenze a livello internazionale e workshop per agevolare i contatti commerciali dei professionisti del settore.  
Eurosportello del Veneto, che dispone di una rete di contatti istituzionali ed imprenditoriali in loco utile per l’organizzazione di stand e di incontri bilaterali di tipo commerciale, invita tutte le aziende del settore interessate a manifestare la propria volontà a partecipare a questo importante evento internazionale del Nord Africa.  
Termine ultimo per manifestare interesse ad ENERSOL EXPO è l’ 8 marzo 2010.  
A disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti Roberto Bassetto - tel. 041 0999419; roberto.bassetto@eurosportelloveneto.it; Rossana Colombo – tel. 041 0999415 rossana.colombo@eurosportelloveneto.it.

 

Corso di Euroformazione 2010
Anche quest’anno Eurosportello del Veneto – Unioncamere del Veneto in collaborazione con la Regione Veneto organizza il Corso di Euroformazione 2010, che mira a fornire un quadro aggiornato delle più importanti tematiche nell’ambito del diritto europeo e delle politiche comunitarie oltre che offrire validi strumenti a supporto della progettazione e della presentazione di proposte progettuali a valere sui bandi europei.
Il Corso è gratuito ed aperto a tutti e si svolgerà presso la Sala Europa di Unioncamere del Veneto, Via delle Industrie 19/C Marghera Venezia, ad eccezione della prima sessione del 29 gennaio che avrà luogo presso l’Aula Baratto dell’Università.
Cà Foscari di Venezia. E’ inoltre stato richiesto l’accreditamento presso i competenti Consigli degli Ordini.

Scaricare il Programma qui
.

 

 

HOME

 

 

NORMATIVA COMUNITARIA

AMBIENTE

 

 

RELAZIONE della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio sugli incentivi a favore delle organizzazioni aderenti ad EMAS per il periodo 2004-2006 {SEC(2010)59} COM(2010) 6 definitivo/2

PESCA 

RELAZIONE annuale della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio sugli sforzi compiuti dagli Stati membri nel 2007 per il raggiungimento di un equilibrio sostenibile tra la capacità e le possibilità di pesca {SEC(2008) 3108/2} {SEC(2009) 645} COM(2008) 902 final/2

POLITICA REGIONALE E COORDINAMENTO DEGLI STRUMENTI STRUTTURALI 

REGOLAMENTO (UE) N. 108/2010 della Commissione dell'8 febbraio 2010 che modifica il Regolamento (CE) n. 1974/2006 recante disposizioni di applicazione del Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) (GUUE L 36/2010)


POLITICA INDUSTRIALE, CERTIFICAZIONE, SICUREZZA 

REGOLAMENTO (CE) N. 66/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio del 25 novembre 2009 relativo al marchio di qualità ecologica dell’Unione europea (Ecolabel UE) (Testo rilevante ai fini del SEE) (GUUE L 27/2010)

 

POLITICA SOCIALE

DECISIONE della Commissione dell’8 febbraio 2010 che modifica la decisione 2008/458/CE recante modalità di applicazione della decisione n. 575/2007/CE del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce il Fondo europeo per i rimpatri per il periodo 2008-2013 nell’ambito del programma generale «Solidarietà e gestione dei flussi migratori», relative ai sistemi di gestione e di controllo degli Stati membri, alle norme di gestione amministrativa e finanziaria e all'ammissibilità delle spese per i progetti cofinanziati dal Fondo [notificata con il numero C(2010) 695] (GUUE L 36/2010)

POLITICA DEI TRASPORTI 

DECISIONE della Commissione del 19 ottobre 2009 che modifica le decisioni 2006/679/CE e 2006/860/CE relative alle specifiche tecniche di interoperabilità per i sottosistemi del sistema ferroviario transeuropeo convenzionale e ad alta velocità [notificata con il numero C(2009) 7787] (Testo rilevante ai fini del SEE)  (2010/79/CE) (GUUE L 37/2010)

TELECOMUNICAZIONI, SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE

RELAZIONE della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo - Seconda relazione sull'attuazione della direttiva 1999/5/CE riguardante le apparecchiature radio e le apparecchiature terminali di telecomunicazione e il reciproco riconoscimento della loro conformità COM(2010)43 definitivo

 

 

CONSUMATORI

DIRETTIVA 2010/3/UE della Commissione  del 1 o febbraio 2010 che modifica gli allegati III e VI della direttiva 76/768/CEE del Consiglio relativa ai prodotti cosmetici al fine di adeguarli al progresso tecnico (GUUE L 29/2010)



 

HOME

 

 

APPROFONDIMENTI

PROGETTO SONORA - REGIONAL ECONOMIC WORKSHOP 

Il 24 febbraio 2010 si svolgerà a Portorož il secondo Regional Economic Workshop nell’ambito del progetto SoNorA finanziato nel primo bando transnazionale del programma Central Europe. Il worskshop è finalizzato ad individuare future cooperazioni nelle aree geografiche limitrofe nel Corridoio Sud - Nord del progetto in particolare dell’ Italia, Austria e Slovenia, il principale tema di discussione sarà focalizzato alla cooperazione economica della rete dei distretti e migliorare le relazioni tra il sistema produttivo ed il sistema delle infrastrutture alle nuove esigenze di competitività del mondo economico. 
Per ulteriori informazioni: 

http://www.sonoraproject.eu
.

 

GIAPPONE, MISSIONE FORMATIVA

L’EU-Japan Centre per la cooperazione industriale ha lanciato una proposta di partecipazione ad un training formativo per imprenditori in Giappone, della durata di 5 giorni, finanziato dalla Commissione europea. WCM (acronimo per World Class Manufacturing training mission) ha come obiettivo quello di mostrare alle imprese europee che ci occupano di industria manifatturiera le modalità con cui le industrie giapponesi sono riuscite ad incrementare la produzione riducendo i costi. I 5 giorni di missione si terranno dal 28 giugno al 2 luglio oppure dal 18 al 22 ottobre 2010. Per ulteriori informazioni:
 http://www.eu-japan.eu/global/business-training.html?profile=global&content=business-training&programme=world-class-manufacturing .

 

COMMISSIONE EUROPEA: NUOVI COMMISSARI

La Commissione europea, nei giorni scorsi, ha nominato i nuovi commissari, tra cui il romeno Dacian Cioloş e il ceco Stefan Fuele, nuovo commissario all’Allargamento ed alla Politica di vicinato.
In materia di allargamento, Fuele intende far progredire i colloqui di adesione tra l’Unione europea e la Turchia , iniziati nel 2005. Per quanto riguarda i Balcani occidentali, sulla Serbia si è limitato ad affermare che spera che i governi dell’Ue comincino a ratificare l’Accordo di stabilizzazione ed associazione a partire da giugno, e si auspica che la Bosnia e Albania possano ottenere il via libera per l’abolizione dei visti Schengen verso la metà del 2010, dopo aver completato le riforme necessarie. Fuele assumerà anche le competenze per la politica di vicinato e si dovrà relazionare con Georgia, Ucraina, Bielorussia, Moldova, Armenia e Azerbaigian, senza sbilanciarsi sulle loro eventuali prospettive di ingresso in Europa . Il commissario romeno ha promesso di battersi per il mantenimento di adeguate risorse per la Politica agricola comune (Pac), che dovrebbe subire tagli nel periodo successivo al 2013, quando verrà deciso il nuovo bilancio pluriennale dell’Ue.

IL COLLEGIO DI BRUGES APRE AI PAESI EXTRA UE

Il collegio di Bruges (Belgio), aprirà i battenti ai laureati provenienti dai paesi che fanno parte della politica di vicinato dell’UE (Algeria, Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Egitto, Georgia, Israele, Giordania, Libano, Libia, Moldavia, Marocco, Autorità palestinese, Siria, Tunisia e Ucraina) per perfezionare la loro conoscenza degli affari comunitari europei. Per ulteriori informazioni: www.coleurope.eu.

 

BEI, PRESTITO PER IL SOSTEGNO ALLE PMI ITALIANE

La Banca europea degli investimenti (BEI) ha siglato con Banca Agrileasing, membro del gruppo Istituto centrale delle Casse rurali e artigiane (ICCREA), un accordo riguardante la concessione di finanziamenti per 327 milioni di euro a favore delle PMI italiane, che servirà a finanziare progetti attuati da imprese che operano nel settore dell'industria e dei servizi su tutto il territorio italiano. I contratti di finanziamento che la BEI ha stipulato, anche in passato, con altri istituti di credito si iscrivono nel quadro della politica istituzionale europea che essa persegue al fine di migliorare le possibilità d'accesso al credito delle PMI.

 

RISULTATI DELLA CONSULTAZIONE SU “UE 2020”

La Commissione europea ha pubblicato, lo scorso 8 febbraio, due documenti nell’ambito della strategia Europa 2020, che prenderà le mosse dai successi e dai risultati ottenuti con la strategia di Lisbona, ponendo attenzione alla crescita ed all’occupazione. Sono stati inoltre elaborati i contributi pervenuti da parte di coloro che hanno partecipato alla consultazione pubblica indetta lo scorso novembre, che verranno pubblicati entro la fine del mese di febbraio 2010.
Per ulteriori informazioni sulla strategia Europa 2020: 
http://ec.europa.eu/eu2020/
.
Al seguente link saranno invece presto disponibili i risultati:
http://ec.europa.eu/dgs/secretariat_general/eu2020/consultation_it.htm
.

 

AIUTACI A MIGLIORARE LA NOSTRA NEWSLETTER

La Redazione di Eurosportello Informa propone un breve questionario di valutazione sul prodotto, al fine di migliorare e adeguare il servizio in base alle esigenze dei lettori. La Redazione invita pertanto i lettori a compilare, e rinviare via fax al numero 041.0999401, il questionario accedendo al link: http://www.eurosportelloveneto.it/documenti/questionario.doc .

 

HOME

 

 

GARE D'APPALTO

Visualizza le GARE D'APPALTO per lavori, servizi e forniture.
Per ricevere le gare selezionate in base al vostro settore d’attività, iscrivetevi al servizio gratuito
EUROAPPALTI .

 

HOME

 

 

RICERCA PARTNER

Ricerca le Idee progettuali di partner stranieri interessati a presentare progetti europei con partner italiani.

 

HOME

 

 

BANDI EUROPEI

Apri l’elenco completo dei bandi UE aperti, selezionati dalla Gazzetta ufficiale serie C e dai siti delle diverse Direzioni Generali della Commissione Europea.

 

HOME

 

 

BANDI FONDI STRUTTURALI

Regione Veneto - Bando di Gara - Scade il: 26/02/2010
Promozione della Previdenza complementare nel Veneto: attuazione per l'anno 2009 degli interventi di formazione e informazione, di sostegno finanziario alle lavoratrici, ai lavoratori e alle imprese

Regione Veneto - Bando di Gara - Scade il: 28/02/2010
Programma Operativo Regionale FESR 2007/2013 Ob. Competitività Regionale e Occupazione. Contributi Azione 1.1.2 - Disponibile modulistica 

Regione Veneto - Bando di Gara - Scade il: 15/03/2010
Programma Operativo Regionale (POR-CRO) FESR 2007-2013. Linea di intervento 1.3 sostegno alla promozione e allo sviluppo dell'imprenditorialità. Azione 1.3.3 Artigianato artistico e tradizionale
GUIDA AI FINANZIAMENTI DELL'UNIONE EUROPEA
Si informa che sul sito di Eurosportello del Veneto è disponibile la Guida ai finanziamenti dell'Unione Europea 2009. 
Per scaricarla:
  http://www.eurosportelloveneto.it/pubblicazioni/GUIDA2009.pdf

 

HOME

 

 

EURO COOPERAZIONI

Visualizza l’elenco delle aziende straniere che cercano cooperazioni internazionali

 

HOME

 

 

SPORTELLO EUROPA ROMANIA

Lo Sportello Europa Romania nasce nel gennaio 2008 per dare supporto alle PMI italiane nella ricerca di informazioni sui fondi strutturali erogati dalle autorità romene nel periodo 2007-2013. E’ il risultato di un accordo tra alcune istituzioni italiane che da tempo operano in Romania per sostenere l’imprenditoria italiana nei suoi processi di internazionalizzazione, e che vantano notevole esperienza nella gestione di programmi comunitari.
Lo Sportello, istituito presso la Camera di Commercio italiana per la Romania , fornisce informazioni a tutti gli imprenditori italiani desiderosi di saperne di più sui fondi strutturali e sulle opportunità di finanziamento che questi offrono.  

Per ottenere maggiori informazioni sui bandi già pubblicati, su quelli di prossima attivazione, sulle condizioni di eleggibilità e per ricevere la newsletter periodica sui fondi strutturali Vi preghiamo di contattare il referente dello Sportello Europa Romania.


Sportello Europa Romania
c/o Camera di Commercio italiana per la Romania
Tel: +40 (0)21 310.23.15/16/17
Fax: +40 (0)21 310.23.18
E-mail: sportelloeuropa@cameradicommercio.ro
Str. Franceza 13 – 2° piano
030102 Bucarest – Romania
Referente: Matteo Peri

NEWS FONDI STRUTTURALI

Programma Operativo Crescita della Competitività Economica (POS CCE)

Le Autorità Pubbliche Locali (APL) e le imprese possono presentare progetti per la produzione di energia da fonti rinnovabili

Le APL e le società commerciali possono presentare, entro il 30 aprile 2010, dei progetti a valere sull’operazione «Sostegno agli investimenti per la modernizzazione e la realizzazione di nuove capacità di produzione di energia elettrica e termica, con la valorizzazione di risorse energetiche rinnovabili: biomasse, risorse idro-energetiche (con unità di potenza inferiore o uguale a 10MW), solari, eoliche, biocombustibili, risorse geotermali e altri fonti rinnovabili di energia» - Asse 4.2 del POS CCE.
La somma totale disponibile per questo bando ammonta a 420.000.000 di RON.
I sollecitanti eleggibili sono:
Ø      
APL;
Ø      
Associazioni di Sviluppo Intercomunitario;
Ø      
Microimprese, PMI e grandi imprese.
I progetti finanziati sono:

Ø      
Progetti di realizzazione di nuove capacità di produzione di energia elettrica e termica, quanto per consumo proprio tanto per l’immissione di energia nelle reti di trasporto e distribuzione, attraverso la valorizzazione delle risorse energetiche rinnovabili;
Ø      
Progetti di modernizzazione delle capacità di produzione.
Attività eleggibili:

Ø      
Acquisizione e sistemazione del terreno per apporre le attrezzature previste dal progetto;
Ø      
Istallazioni relative alle costruzioni necessarie per l’implementazione del progetto;
Ø      
Acquisto di attrezzature, anche di monitoraggio;
Ø      
Organizzazione dei cantieri (per i progetti che non siano considerati aiuti di stato);
Ø      
Raccordo alle reti del Sistema Elettrico Nazionale.
I progetti presentati possono avere un valore compreso tra 400.000 RON e 50.000.000 RON (IVA inclusa).
L’intensità del contributo erogato a fondo perduto varia tra il 40% e il 98%, in funzione della categoria del sollecitante, del tipo di progetto e della regione in cui il progetto viene implementato.

400.000 euro dall’UE per attrezzature di lavorazione del legno

Un’impresa di Covasna che opera nel settore della lavorazione del legno riceverà oltre 400.000 euro a fondo perduto per l’acquisto di attrezzature per la lavorazione del legno. L’azienda produce finestre in PVC, elementi per l’arredamento e parquet.
Il progetto “Acquisto di attrezzature per la lavorazione del legno” è stato presentato all’interno del POS CCE - “Supporto finanziario con valore compreso tra 920.001 RON e 5.560.000 RON erogato per gli investimenti delle PMI” ed ha ottenuto l’approvazione nell’agosto 2009.
Il progetto prevede un periodo di implementazione di due anni.
Dal momento che l’azienda deve avviare l’investimento con risorse proprie, sino al ricevimento dei contributi europei, e considerate le difficoltà legate all’ottenimento di un credito, la società ha optato per la richiesta di un pre-finanziamento pari al 35% del valore del progetto.


Programma Operativo Sviluppo Risorse Umane (POS DRU)
Un’azienda di Rasnov forma i dipendenti con fondi UE

Una società di servizi di consulenza e formazione professionale con sede a Rasnov (Brasov) riceverà un contributo di oltre 170.000 euro nel corso di due anni per l’organizzazione di sei moduli di formazione (con 20 partecipanti ciascuno) destinati a 120 medici e dipendenti di imprese di Brasov.
Il progetto “Programmi di formazione professionale nel settore IT per il personale medico e i dipendenti” è stato presentato nel luglio 2008 all’interno del POS DRU. E’ stato firmato nell’aprile 2009 ed avrà la durata di due anni. I corsi sono gratuiti e avranno una durata di tre mesi, al termine dei quali i partecipanti riceveranno un diploma riconosciuto dal Ministero dell’Educazione e dal Ministero del Lavoro.
Il co-finanziamento privato ammonta al 5% del valore delle spese eleggibili (circa 8.500 euro).

 

Programma Operativo Regionale (POR)
Fondi europei per l’acquisto di attrezzature

Un fornitore di servizi linguistici (corsi di lingue straniere, traduzioni, servizi di interpretariato) e di formazione professionale di Brasov ha ricevuto alla fine dell’anno scorso un finanziamento pari a 57.000 euro per l’acquisto di attrezzature per traduzioni simultanee nel corso delle conferenze.
Il progetto “Acquisto di attrezzature per la traduzione simultanea” è stato presentato nel maggio 2008 nell’ambito del POR (“Supporto allo sviluppo delle microimprese”); la firma del contratto di finanziamento è avvenuta invece un anno più tardi.
Il valore totale del progetto ammonta a circa 97.000 euro. Essendovi alla base del finanziamento il principio del rimborso (in una fase successivo a quella di spesa), la società si è rivolta a degli istituti di credito lamentando però l’applicazione di condizioni piuttosto rigide.

 

 

HOME

 

 

SPORTELLO BALCANI

Sostegno dell'UE alla Turchia ed ai Balcani Occidentali

Lo scorso 19 gennaio la Commissione europea e la Banca Centrale europea (BCE) hanno firmato un accordo sui Paesi candidati e potenziali candidati all’adesione all’Unione europea che potranno beneficiare del programma di assistenza tecnica a sostegno del settore finanziario, programma della durata di due anni che avrà un budget complessivo di 2.65 milioni di euro e destinato alle banche centrali in Croazia, Macedonia, Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Turchia, Serbia e Kosovo, con il coinvolgimento di partner internazionali, tra cui le banche centrali di area euro. Nel corso del periodo verranno organizzati a livello locale training e workshop, che supporteranno l’applicazione di specifiche misure nazionali definite con gli istituti finanziari internazionali ed i partner delle banche centrali.

 

NEWS SERBIA

Prestiti BEI per le PMI

La Banca europea per gli investimenti e due istituzioni finanziarie locali hanno firmato nei giorni scorsi in Serbia, prestiti a favore di piccole e medie imprese e di progetti di infrastrutture realizzati da enti locali, per un importo totale di 45 milioni di euro. La Erste Bank Novi Sad ha firmato un primo contratto del valore di 25 milioni di euro, che sarà finanziato al 100% dalla BEI per quanto riguarda gli investimenti ed i progetti realizzati dalle PMI. La BEI ha inoltre firmato un analogo contratto di prestito con KBC Banka di 20 milioni di euro. 

 

Accordo commerciale transitivo

Lo scorso 3 febbraio ha avuto inizio anche formalmente l’applicazione dell’Accordo commerciale transitivo fra l’Unione europea e la Serbia, risultato della decisione che i ministri dell’Unione europea hanno preso nel dicembre 2009. A marzo prossimo verrà organizzato per la prima volta il Comitato per la supervisione di tale accordo, il primo che la Serbia abbia mai stipulato con l’UE.  

 

Nuovi prestiti dalla BEI

La Banca europea per gli investimenti (BEI) ha stipulato, con le banche Erste Novi Sad e KCB, i contratti su due prestiti del valore complessivo di 45 milioni di euro, allo scopo di supportare gli impegni della Serbia nel processo di adesione all’Unione europea. I prestiti serviranno ad appoggiare i progetti delle PMI e delle infrastrutture su cui lavorano le amministrazioni locali, oltre agli investimenti industriali nel campo dell’energetica, della tutela dell’ambiente, della sanità e dell’istruzione. La BEI finanzierà fino al 100% i costi dei progetti per le PMI, con un importo massimo di 12,5 milioni di euro per progetto.

 

NEWS CROAZIA

Negoziati conclusi entro il 2010

Lo scorso 3 febbraio, la Commissione esteri del Parlamento europeo ha approvato le proposte di risoluzione sui progressi verso l’adesione della Croazia e dell’ex Repubblica jugoslava di Macedonia, che saranno sottoposte al voto dell’Assemblea in sessione plenaria. Per quanto riguarda la Croazia , i negoziati d’adesione dovrebbero potersi concludere entro il 2010, purché il paese si impegni nella riforma della giustizia e della pubblica amministrazione, nella lotta alla corruzione ed al crimine organizzato. L’ingresso nell’UE avverrà probabilmente a metà del 2012 oppure all’inizio del 2013, ed entro il 2014 quella di tutti Paesi dei Balcani occidentali.

 

Italia primo partner commerciale

Nonostante il 2009 abbia fatto registrare per la Croazia un notevole calo delle attività economiche con l’estero, l’Italia si conferma il primo partner commerciale del paese. L’interscambio bilaterale ha raggiunto i 5,2 miliardi di dollari: le esportazioni italiane verso la Croazia sono state pari al 15,4% del totale dell’import croato, comunque in calo, mentre le importazioni italiane dalla Croazia hanno raggiunto circa il 19% del totale dell’export croato.

 

Misure per la ripresa economica

Lo scorso 4 febbraio il Governo ha approvato due modelli di finanziamento dell'economia con il quale erogherà quasi 2 miliardi di euro. Il primo modello sarà dedicato alle attività correnti e per aumentare la solvenza, con crediti a breve termine; il secondo prevede la realizzazione di un fondo di garanzia del Governo del valore di 275 milioni di euro, destinato a progetti d'investimento, alle attività correnti ed alla riprogrammazione dei crediti realizzati dopo il 1 luglio del 2008, con crediti a medio e lungo termine.

 

 

HOME

 

 

SPORTELLO USA

Eurosportello Veneto-Stati Uniti nasce per dare assistenza e supporto informativo alle PMI Venete interessate ad investire e/o ad esplorare ed operare nel mercato americano. Con l’obiettivo di promuovere e rafforzare la cooperazione transatlantica, lo sportello fornisce informazioni ed assistenza anche ad imprese americane interessate a diverse forme di cooperazione transatlantica orientandone il focus e gli obiettivi verso il territorio veneto.
Lo Sportello ha base a New York ed è il frutto di un accordo di collaborazione con l’unico ufficio della rete europea Enterprise Europe Network (EEN) presente negli Stati Uniti. Lo sportello opera coordinandosi con le istituzioni italiane, con la rete delle camere di Commercio Italiane negli Stati Uniti e con istituzioni e soggetti americani attivi nel sostegno all’imprenditoria. La costituzione e il rafforzamento di tale network sono condizione necessaria per stimolare e partecipare attivamente al Programma europeo di cooperazione transatlantica, fornendo in questo modo alle imprese strumenti e opportunità concrete di confronto costruttivo attraverso la presentazione di progetti condivisibili soprattutto nell’ambito della Ricerca e dell’innovazione.

 

Eurosportello Veneto - USA
c/o EABO (European American Business Organization)
Tel: +1 347 821 2384 
Fax: +1 212 972 3026
E-mail: debacco@eurosportelloveneto.it
Referente: Beatrice De Bacco

 

INIZIATIVE DI PROSSIMA ATTUAZIONE

New York Fashion Week 11- 18 febbraio 2010

L’11 febbraio si e’ aperta a New York la Settimana della moda. L’evento, che ha cadenza semestrale, in questa edizione presenta le collezioni primavera estate 2010 attraverso l’organizzazione di 250 sfilate di moda che richiamano nella Grande Mela circa 116.000 visitatori ad edizione (232.000 all’anno). Il fashion week genera un indotto che si aggira sui 466 milioni $ all’anno (233 milioni $ ad edizione).
Il settore del fashion, con i suoi 175.000 addetti, e’ quello che impiega il maggior numero di dipendenti nella città di NY e genera 10milioni di $ in buste paga, dei quali 1,6 milioni entrano nelle casse dello stato in tasse. oltre 800 fashion company hanno il proprio quartiere generale in NYC (più del doppio di quante ce ne siano a Parigi sua diretta concorrente).  

Alcuni dati di settore
:
New York e’ città leader degli acquisti del settore moda, vi si organizzano ogni anno 75 fra le più importanti sfilate di moda, e fiere di settore, sono presenti in città circa 5000 showroom (più che in ogni altra città del mondo) ospita  le maggiori fiere del mercato della moda  ogni anno.
Il 28% di chi produce opera nel settore della moda 
Oltre il 50% del prodotto Fashion viene realizzato nel famoso Garment Centre, nella zona west midtown di Manhattan.
Molti fra i più famosi designer del comparto  hanno base a NYC (Ralph Lauren, Diane von Fustemberg, Calvin Klain, Michael Kors, Nanette Lepore, Carmen Marc Valvo e Donna Karan).
NYC vanta le migliori scuole di fashion degli Stati Uniti, tra cui la Parsons il NY School of Design, il Fashion Institute of Technology e il Pratt Institute, in queste scuole si diplomano ogni anno oltre 1000 studenti molti dei quali scelgono di restare a lavorare a NY.
Due delle tre maggiori agenzie di global marketing  hanno sede a NY dove  si trovano anche alcune fra le piu’ quotate e famose case editrici di moda (Vogue, GQ, Women’s Wear Daily).

 

VINO 2010 - Italian Wine Week in New York

Si e’ concluso il 5 febbraio u.s. Vino 2010, il più grande evento dedicato al vino italiano che venga organizzato all’estero; vi hanno partecipato oltre 400 produttori, 50 distributori, 4 regioni italiane (Veneto compreso), 3000 tra buyers, dettaglianti e rivenditori, giornalisti ed educatori.
Malgrado l’attuale crisi economica il vino italiano non ha subito brusche frenate sul fronte delle importazioni USA e attualmente e’ il vino che gli americani preferiscono.
I vini italiani infatti rappresentano per gli americani un bene di lusso a cui non rinunciare.
Secondo il Dipartimento del commercio americano l’Italia e’ al primo posto per quantitativo di vino esportato negli USA (il 30 % della nostra produzione viene importata in USA per un valore di 1.5 milioni di $nel 2009). 
Mentre paesi storicamente esportatori come la Francia hanno subito una contrazione delle vendite soprattutto a causa dei prezzi elevati delle bottiglie e paesi di nuova generazione come l’America Latina e l’Australia tengono perché si attestano su un segmento di mercato medio basso, i vini italiani continuano ad attirare l’attenzione e l’immaginazione del consumatore americano.
Queste le recenti tendenze nel mercato USA: i vini italiani hanno avuto un calo nelle vendite del 2%, mentre quelli  francesi si attestano a -12%, ciò e’ dovuto a diversi fattori  ma soprattutto alla diversa percezione che gli americani hanno nei confronti dei vini italiani e francesi; infatti mentre questi ultimi sono generalmente considerati costosi e da consumarsi in occasioni speciali, i vini italiani rappresentano un prodotto di lusso “abbordabile” e da consumarsi in ogni momento ed occasione. A dimostrazione del fatto che il vino italiano sta  superando quello francese e’ l’importante aumento di consumo di Prosecco a scapito del francese Pinot Grigio. 
Infatti stando al Dipartimento del Commercio americano il consumo di vino frizzante italiano e’ aumentato del 14% (dai 14,6 milioni di litri dell’anno scorso ai 16,7 di quest’anno) attestandosi come il 1 vino frizzante importato e superando il consumo di vino frizzante francese il cui consumo e’ diminuito del 22% nei primi 11 mesi del 2009.
Un altro fattore che spiega l’aumento delle vendite di vino italiano e dato dal forte legame che esiste fra il vino e la cucina italiana molto apprezzata negli USA.
Nonostante questi numeri i segni di una possibile futura recessione sono già evidenti se si guarda a come sono aumentate le vendite di vini con prezzi  più competitivi come per esempio i vini Cileni e Argentini il cui export nel 2009 e’ aumentato del 15% e del 32%. Le ragioni di questo aumento dipendono da tre fattori: 1) il cambio svantaggioso dollaro/Euro che ha frenato le vendite di vini italiani prezzati in Euro e favorito nel contempo il commercio con quei paesi in cui il cambio e’ vantaggioso;2) i vini californiani sono considerati simili a quelli italiani ma con un migliore rapporto qualità/prezzo; 3) la recessione ha costretto i consumatori a limitare il budget dedicato all’acquisto di vino.
I produttori italiani per rimanere competitivi e non perdere quote di mercato dovranno mantenere il più alta possibile la qualità dei vini cercando di migliorare il rapporto qualità/prezzo, investire in formazione e ricerca ed educare al vino cercando di diffondere la passione per il vino italiano fra le nuove generazioni anche attraverso l’utilizzo dei social network come facebook e twitter.

 

Call for proposal

Programma Erasmus Mundus 2010: per la cooperazione e la mobilità nel campo della formazione universitaria, per aumentare la qualità della formazione universitaria europea e promuovere il dialogo e la conoscenza tra popoli e culture attraverso la cooperazione con i paesi terzi. Questa call supporterà progetti presentati nelle tre Azioni del Programma:
1) Erasmus Mundus Joint Programmes
2) Erasmus Mundus Partnership

3)Promotion of European Higher education
I progetti vanno presentati entro il 30 aprile 2010

 

Prossimo accordo EU-US sulla protezione dei dati e lo scambio di informazioni Consultazione pubblica

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica sul prossimo accordo EU-US sullo scambio di informazione e la protezione dei dati. La consultazione mira a raccogliere i pareri degli stakeholders e del pubblico e a stilare un documento per i lavori preparatori per il futuro negoziato US-EU che porterà all’accordo.
Tutti coloro che sono coinvolti nella protezione e trattamento dei dati personali,trasferimento o scambio di informazioni e il pubblico in generale sono invitati a rispondere alla consultazione entro il 12 marzo p.v. Maggiori informazioni e i documenti per partecipare alla consultazione si possono trovare in “Your voice in Europe “ :
 
http://ec.europa.eu?yourvoice/consultation/index_en.htm  

 

HOME

                 SPORTELLO APRE

GLI OBIETTIVI DEL PROGRAMMA IDEAS

“Favorire il cambiamento, creare un team di ricerca, permettere il raggiungimento dell’autonomia e dell’indipendenza del Principal Investigator”
Questo è stato il messaggio più volte ripetuto nel corso dell’NCP meeting a Bruxelles lo scorso dicembre e che sintetizza gli obiettivi del programma IDEAS - assoluta novità del 7PQ che finanzia i progetti di ricerca “di frontiera”, altamente innovativi, ad alto rischio, in una parola, eccellenti – e nel contempo indica il modo in cui avvicinarsi alle opportunità offerte dallo European Research Council.
Il progetto ERC si compone di diversi elementi, primo fra tutti l’indiscutibile eccellenza della ricerca, che si vuole proporre, e del curriculum vitae del Principal Investigator. A completare questi due criteri di valutazione l‘Agenzia Esecutiva ERC ha fornito qualche elemento in più.
Il Grant ERC vuole essere per il Principal investigator (PI), sia esso un giovane ricercatore ovvero senior, un’opportunità per esplorare nuovi campi di ricerca ampliando in tal modo l’esperienza maturata negli anni e, magari, per spostare il proprio lavoro di ricerca su altri settori.

Coadiuvato, pertanto, da un team composto di ricercatori con competenze diverse e complementari, il PI può proporre progetti interdisciplinari o multidisciplinari, che superino le tradizionali barriere tra settori di ricerca.
Tuttavia, anche rimanendo all’interno del proprio settore di ricerca, si può facilmente individuare il cambiamento, inteso anche come assoluta novità della ricerca o della metodologia proposta nel progetto ERC. E’ sempre però una ricerca innovativa e quasi “visionaria”, che deve rispondere al principio sintetizzato in “alto rischio, grande guadagno” ovvero una ricerca rischiosa anche se fondata su solide basi scientifiche, dall’esito spesso incerto ma dal cui successo potrebbero derivare grandi benefici per la comunità scientifica europea, per i cittadini europei e per i decisori politici in termini di nuova conoscenza, grande impulso al mercato, miglioramento della qualità della vita e del benessere della popolazione.
Infine, le opportunità di cambiamento offerte da un progetto ERC riguardano anche la possibilità di svolgere la propria ricerca presso un’organizzazione ospitante, scelta liberamente da PI, in qualsiasi paese europeo o associato purché risponda anch’esso al criterio dell’eccellenza e in accordo con i vincoli esistenti tra ricercatore e proprio ente di appartenenza.
Entrando nel vivo della preparazione di una proposta ERC, ecco alcuni elementi che a loro volta sono stati oggetto di spiegazioni e approfondimenti da parte dell’Agenzia Esecutiva ERC, alla luce della valutazione dei primi tre anni di implementazione del Programma IDEAS.
Il PI e il Co-Investigator

Secondo quanto previsto dalle regole di partecipazione il PI di un ERC AdG deve dedicare al progetto almeno il 30% della propria attività di ricerca, mentre un giovane PI di un progetto ERC StG deve assicurare un coinvolgimento nel progetto di almeno il 50% della sua attività di ricerca complessiva. In entrambi i casi, lo European Research Council chiede che il PI svolga almeno il 50% della sua attività di ricerca in Europa.
Tale regola, considerata dai proponenti un mero vincolo formale a cui attenersi per non rendere la proposta ineleggibile, vuole invece porre l’attenzione sul fatto che il grant ERC si rivolge ad una “categoria” specifica di PIs. E’ emblematico l’esempio riportato da alcuni funzionari dell’Agenzia Esecutiva, i quali hanno affermato che non rientra nella filosofia dell’ERC finanziare ricercatori che già gestiscono numerosi finanziamenti, sia livello a nazionale che europeo e soprattutto internazionale (es. in USA, Canada, ecc). Pertanto, la percentuale minima di coinvolgimento del Pi richiesta dal’ERC deve essere considerata non solo come tassativa ma soprattutto deve far riflettere sull’opportunità o meno di presentare una proposta ERC.
Una novità del bando 2010 AdG riguarda invece la figura del Co-investigator (Co-I) per i quale dovrà essere compilata la Parte A , relativa al proprio CV, come già richiesto per il PI. Sempre di più si va delineando il ruolo del Co-I, inteso come supporto di altissimo livello all’attività di ricerca e chiamato a coprire quegli ambiti di ricerca complementari alle competenze del PI.
Organizzazione ospitante: apertura al settore industriale

L’Organizzazione ospitante di un finanziamento ERC deve garantire l’autonomia del PI e un valido supporto per la gestione amministrativa e finanziaria del progetto, ma soprattutto deve essere in grado di contribuire al raggiungimento dei risultati del progetto di ricerca attraverso infrastrutture, curriculum e risorse adeguate.
Sulla base di tali presupposti, è stata più volte sottolineata la completa apertura dell’ERC a finanziare progetti di ricerca che scelgano come organizzazione ospitante un’industria purché:
la scelta dell’industria come organizzazione ospitante sia coerente con la ricerca e gli obiettivi del progetto ERC e funzionale al raggiungimento dei risultati previsti;
▪ vi sia accordo di indirizzo e di gestione tra il PI e il dipartimento di ricerca dell’industria ospitante;
▪ l’industria che ospiterà il ricercatore sia in grado di dare un valido supporto alla gestione amministrativa e finanziaria del progetto, mettendo a disposizione del PI esperienza e personale qualificato;
▪ non sorgano conflitti di interesse tra il progetto ERC e le strategie di ricerca e sviluppo tecnologico dell’industria ospitante. A tal proposito, è bene valutare già in fase di proposta come regolare gli aspetti di gestione dei risultati e della proprietà intellettuale.
Tutti questi elementi dovranno essere descritti in modo chiaro ed esaustivo nella sezione “Research Environment” della Parte B della proposta. In generale, è opportuno fare molta attenzione nella scrittura di questa sezione dove è richiesto di motivare la scelta dell’Organizzazione ospitante per farne emergere l’eccellenza, di descrivere le risorse effettivamente disponibili al PI, anche in termini di conoscenza acquisita, di esperienza maturata da altri gruppi di ricerca, di collaborazioni con altre università, centri di ricerca e laboratori a livello sia europeo che internazionale. In una frase, l’ambiente di ricerca è tutto ciò a cui il PI può attingere per arricchire la sua ricerca e raggiungere i risultati previsti.
I grant ERC: un’opportunità per i ricercatori e gli enti di ricerca italiani

Al termine dell’incontro NCP, i funzionari dell’Agenzia Esecutiva ERC hanno illustrato gli obiettivi per il futuro del programma ERC, in particolare questi gli obiettivi futuri:
▪ incrementare la partecipazione dell’industria, sulla scia di alcuni casi di successo rappresentati dalla Philips e dalla Novartis;
▪ Incrementare e favorire la partecipazione delle donne nei progetti di ricerca ERC;
▪ Aumentare l’interesse di PI provenienti da paesi extra-europei attraverso una campagna di promozione delle organizzazioni europee, pubblicazione di storie di successo e disseminazione dei risultati dei progetti ERC.
Per informazioni:

http://www.apre.it/ricerca-europea/bandi/default.asp

http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.FP7CallsPage

Scadenze:
Il bando AdG prevede tre scadenze diverse:

• Physical Sciences & Engineering (Panels PE1 - PE10): scadenza 24 febbraio 2010
• Life Sciences (Panels LS1 – LS9): scadenza 17 marzo 2010

• Social Sciences & Humanities (Panels SH1 – SH6): scadenza 7 aprile 2010

 

RITARDO NEI PAGAMENTI DA PARTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA: 
IL MEDIATORE EUROPEO APRE UNA CONSULTAZIONE

Il mediatore europeo ha lanciato una consultazione pubblica invitando privati, imprese, associazioni e tutti i soggetti interessati a partecipare alla questione del ritardo nei pagamenti da parte della Commissione europea. Durante l’indagine in corso sul problema del ritardo nei pagamenti la Commissione ha rilevato in proposito cifre che mostrano che tale ritardo si è verificato nel 22% dei casi nel 2008. La Commissione ha anche annunciato nuove misure al fine di migliorare la situazione, quali l’aumento del ricorso a pagamenti forfettari. I contributi alla consultazione (che non rappresenta in nessun modo possibilità di risoluzione di casi individuali che devono essere sottoposti al Mediatore nei modi previsti) potranno pervenire fino alla data del 31 marzo 2010 in una qualsiasi delle lingue ufficiali dell’UE.
L’invito del Mediatore può essere consultato online:
http://www.ombudsman.europa.eu/cases/correspondence.faces/%20fr/4500/html.bookmark
.

 

TERZO BANDO DELLA JOINT TECHNOLOGY INITIATIVE CLEAN SKY

Il 26 gennaio 2010 è stato pubblicato il terzo bando della Joint Technology Initiative CLEAN SKY, la cui scadenza è prevista per il 27 Aprile 2010. Maggiori informazioni sono reperibili al seguente indirizzo web: http://www.cleansky.eu .

 

HEALTH 2008-2013 — PUBBLICATO IL BANDO "SALUTE 2010"

L'Agenzia esecutiva per la salute e i consumatori ha pubblicato l'invito a presentare candidature per il 2010 nel quadro del programma d'azione comunitario in materia di sanità pubblica 2008-2013.
Il bilancio disponibile è di 47 milioni di euro. Il termine per la presentazione delle proposte è il 12 marzo 2010.
Il bando 2010 prevede:
• contributi finanziari a iniziative specifiche in forma di progetti; 
• contributi finanziari a iniziative specifiche in forma di conferenze (da tenere nel 2011); 
• sovvenzioni di funzionamento a favore di enti non governativi e reti specializzate; 
• un invito agli Stati membri e ai paesi partecipanti per la presentazione di azioni congiunte.
Bilancio 46,985 MEUR, così ripartiti:
• progetti: 13,4 MEUR (saranno finanziati 13 progetti); 
• conferenze: 600.000 EUR (100.000 EUR per evento, eccezionalmente 200.000); 
• sovvenzioni di funzionamento: 800.000 EUR per nuove sovvenzioni e 1,2 MEUR per i rinnovi (cofinanziamento fino al 60% del bilancio annuo); 
• azioni congiunte: 10,6 MEUR (contributi fino al 50%; eccezionalmente al 60%).
Scadenza: 19 marzo 2010.
Per maggiori informazioni Caterina Buonocore buonocore@apre.it e Nicola Bergonzi bergonzi@apre.it .

 

USE AND DIFFUSE, GUIDA PRATICA

Use and Diffuse, un programma che rientra nel VII Programma Quadro, ha recentemente pubblicato una guida, dal titolo “Guida strategica all’uso proficuo ed alla disseminazione dei risultati dei progetti di ricerca e sviluppo”. Il manuale propone, alle piccole e medie imprese, informazioni pratiche su come implementare i progetti di sviluppo, sulle possibili difficoltà che si possono incontrare e sui fattori considerati in fase di valutazione. 
Per ulteriori informazioni: 
http://www.useanddiffuse.eu/ .

 

COPECH - IEEE WETICE2010 MULTI-CONFERENCE

Dal 28 al 30 giugno 2010 si terrà a Larissa - Grecia la prima edizione della conferenza COPECH (Collaboration tools for Preservation of Environment and Cultural Heritage), nell'ambito di WETICE2010 (the 19th IEEE International Workshops on Enabling Technologies).
Per informazioni consultare l'indirizzo internet: 
http://www.disp.uniroma2.it/COPECH/.

 

7.000 EURO IN PALIO PER GIOVANI TALENTI DELL’ENERGIA SOSTENIBILE IN OCCASIONE DI ENERGETHICA 2010!

In occasione di Energethica, 5° Salone dell'energia rinnovabile e sostenibile che si terrà a Genova, Fiera del Mare, dal 4 al 6 marzo 2010, sono stati banditi 2 concorsi per giovani progettisti con premi consistenti:
1) ”Energia e trasporto merci: risparmio energetico e fonti rinnovabili per una catena logistica sostenibile”
I progetti presentati dovranno riguardare l’efficenza energetica e l’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili nella catena logistica della distribuzione delle merci. Partendo da un caso esistente o da nuove ipotesi di lavoro su territori definiti, dovrà essere proposta una soluzione per una catena di logistica integrata ed ecosostenibile affrontando i temi del corretto uso dell’energia, in un’ottica di sostenibilità ambientale, nelle diverse fasi che compongono il ciclo logistico di distribuzione delle merci in ambito urbano, nazionale o internazionale (corridoi ferroviari merci europee): tipologia/e di fonte/i rinnovabile/i utilizzata/e nel progetto, ivi compresi gli impianti di produzione e i sistemi di distribuzione dell’energia stessa, mezzi di trasporto utilizzati, organizzazione della catena logistica e livello di affidabilità del servizio progettato, coinvolgimento del mondo industriale, delle Amministrazioni Locali e della popolazione, ricadute sociali del benessere. Il premio sarà unico ed il vincitore riceverà, con il sostegno di SBB Cargo Italia, un premio in denaro pari a € 4.000,00 (Euro quattromila/00) compresa IVA se dovuta e un oggetto simbolico a decretare la classificazione al primo posto. Tutti i finalisti vedranno inoltre esposto su pannelli la propria proposta progettuale in occasione di Energethica.
2) “Progetti che integrano la produzione di energia da impianti solari fotovoltaici”
In linea generale, i progetti dovranno riguardare soluzioni innovative e sensibili nell’ambito della trasformazione dell’energia e dell’utilizzo etico delle risorse energetiche; le soluzioni proposte dovranno vertere in particolare sulla micro-mini generazione distribuita, ovvero di tutte quelle soluzioni di produzione energetica da fonte rinnovabile di piccola taglia che, allacciandosi in Bassa Tensione, non impattano sulla Rete.

Il premio sarà unico ed il vincitore riceverà, con il sostegno di Leasint, un premio in denaro pari a € 3.000,00 (euro tremila/00) compresi IVA eventualmente dovuta, un oggetto simbolico e la garanzia di massima visibilità nell'ambito energetico.
Per scaricare il bando e il modulo di iscrizione, visitare la pagina:
http://www.energethica.it/index_EE_premio_it.htm
.

 

CONSULTAZIONE UE 2020 ECCO IL PARERE ITALIANO

Il Governo italiano ha inviato alla Commissione il proprio parere sul futuro della Strategia di Lisbona. Si tratta della risposta alla consultazione sul futuro della Strategia (che si chiamerà EU2020) promossa dalla Commissione europea.
La nuova strategia - spiega la Commissione europea - dovrebbe consentire all'UE di superare completamente la crisi e di accelerare il passaggio a un'economia intelligente e verde. UE 2020 prenderà le mosse dai successi ottenuti con la Strategia di Lisbona in seguito al suo rilancio del 2005, che ha posto l'accento sulla crescita e l'occupazione, e cercherà di ovviare ai suoi punti deboli.
EU2020 nascerà nel semestre di presidenza spagnola dell' Unione Europea, ma se ne è già discusso nel Consiglio europeo informale dell’11 febbraio, centrato proprio sulla nuova Strategia. Le decisioni finali sulla Strategia saranno prese nei Consigli europei di marzo e giugno.
Il contributo italiano affronta temi quali la ricerca e l'innovazione e il ruolo che queste giocano per la competitività del sistema produttivo, in particolare delle PMI. Queste ultime rappresentano, infatti, "la spina dorsale" dell'economia europea e debbono essere quindi al centro della riflessione, che deve coinvolgere anche questioni come il completamento della rete di infrastrutture europee e la trasformazione in un'economia eco-efficiente.
Per saperne di più:
Il parere italiano:
 http://www.politichecomunitarie.it/file_download/919.

La consultazione promossa dalla Commissione europea:
http://ec.europa.eu/dgs/secretariat_general/eu2020/consultation_it.htm

EU 2020, i ministri per l'UE preparano il rilancio dell' Unione :
http://www.politichecomunitarie.it/comunicazione/17026/europa-2020-i-ministripreparano-il-rilancio-dellunione

 

CONVEGNO INTERNAZIONALE DAL 26 AL 29 SETTEMBRE 2010 - UNIVERSITÀ DI PARMA

Il Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università di Parma organizzerà dal 26 al 29 settembre 2010 un importante convegno internazionale, intitolato: “7th International Phytoconference Phytotechnologies in the 21st century: challenges after Copenhagen 2009. Remediation – Energy – Health – Sustainability”.
Si tratta del settimo convegno dell’International Phytotechnology Society (IPS), l’unica società che raccoglie a livello mondiale tutti coloro che si interessano all’applicazione delle piante alla soluzione dei problemi ambientali, le tecnologie “verdi”. I potenziali interessati comprendono non solo scienziati e ricercatori, ma anche operatori, imprenditori, rappresentanti di pubbliche amministrazioni, consulenti.
Lo scopo generale del convegno è di comprendere le nuove sfide per il ventunesimo secolo, alla luce dei risultati della Conferenza di Copenhagen di dicembre 2009. Le tecnologie verdi saranno chiamate a contribuire in modo rilevante a prevenire e a rimediare all’inquinamento, all’abbattimento dei gas serra, alla produzione di energia rinnovabile, alla difesa della salute umana e dell’ambiente.
Per maggiori informazioni consultare il sito:
http://www.phytosociety.org/Phyto%20Society%20-%20Awards_Events_Conferences.htm
.

 

VISUALIZZA  TUTTI I BANDI DI RICERCA APERTI

 

HOME

 

 

OPPORTUNITA' DI STAGE ALL'ESTERO, A CURA DI EUROCULTURA

Eurocultura, fondata nel 1993, è un'associazione culturale con sede a Vicenza, che si è assegnata il compito di facilitare i propri soci nella realizzazione di attività di lavoro, stage, volontariato e formazione all'estero. Il suo obiettivo è di fornire un quadro completo sia delle opportunità all'estero sia delle difficoltà da superare, il che permette ai soci di trovare l'offerta adeguata alle proprie necessità.  

Eurocultura
Via del Mercato Nuovo, 44/G
36100 Vicenza
tel. 0444 - 964 770
fax 0444 - 960 129
info@eurocultura.it
 
www.eurocultura.it

 

OPPORTUNITA’ DI STAGE

Stage sull’esclusione sociale minorile a Salamanca

L’Osservatorio Internazionale sulla Giustizia Minorile (International Juvenile Justice Observatory) è una fondazione pubblica belga con sedi a Bruxelles e a Salamanca, in Spagna. 
E’ stato concepito come una piattaforma interdisciplinare di informazione, comunicazione, dibattito e analisi in relazione con i diversi ambiti della giustizia minorile nel mondo. Offre diversi servizi in lingua francese, inglese, spagnola per enti e professionisti interessati al tema. 
L’organizzazione è nata per essere indipendente e rigorosa nel suo lavoro di riflessione sulla giustizia e sull’esclusione sociale minorile.
L’organizzazione sta cercando un tirocinante per progettare una campagna di lotta contro la povertà e l’esclusione sociale minorile. 
Questi i compiti del tirocinante:

  • Gestione di documenti legali internazionali
  • Analisi del fenomeno dell’esclusione sociale minorile secondo il più ampio progetto europeo “2010: anno europeo per la lotta contro la povertà e l’esclusione sociale”
  • Formazione professionale
  • Aggiornamento e sviluppo del database dell’organizzazione

Il profilo del tirocinante:

  • Livello minimo di studio: master
  • Specializzazione: legge, scienze sociali
  • Livello di conoscenza linguistica: buon inglese e francese o spagnolo e inglese
  • La conoscenza di ulteriori lingue sarà considerata un vantaggio in fase di selezione
  • Buon uso del computer
  • Capacità di lavorare in modo autonomo e nello stesso tempo coordinato in un gioco di squadra
  • Esperienza e conoscenza di lavoro in organizzazioni internazionali
  • Buona conoscenza delle istituzioni europee

Le selezioni per il 2010 sono aperte. Per candidarsi inviare CV (con fotografia) e una lettera di motivazione all’indirizzo practicas@oijj.org.
Riportare nell’oggetto il riferimento al tirocinio: REF: SALAMANCA - Children Social Exclusion.

S
i tratta di tirocinio non remunerato.  

International Juvenile Justice Observatory
Central Office: C/ Teso de la Feria, 9.
ES- 37008 Salamanca

tel.: 00 34 92 31 94 170
fax: +34 92 31 94 171
oijj@oijj.org

www.ijjo.org

 

 

Per sapere di più sugli stage all'estero : Ora di Muoversi - Lavoronotizie - unica rivista italiana per la mobilità internazionale (www.eurocultura.it).

BUONO A SAPERSI

Networking 

Oltre il 50% dei lavori all'estero si trova tramite contatti personali e professionali, indipendentemente dal paese. Una ricerca attiva comincia a casa sfruttando tutti i contatti esistenti.  Conoscenti, parenti, amici che vivono in loco o che hanno collegamenti con il Paese, sono spesso di valore inestimabile.  Possono dare indicazioni utili su come muoversi, a chi rivolgersi, su opportunità promettenti. Nell’ambito professionale invece sono le persone incontrate durante gli studi e il lavoro che dispongono non solo dei consigli utili, ma anche dei contatti dentro le aziende che possono tradursi facilmente in un posto di lavoro. Oggi anche le “virtual” o “social community” presenti su Internet rappresentano uno strumento adatto a conoscere persone con gli stessi interessi e la stessa professione nel paese in questione.
Con l’aiuto di una rete di “sostegno” le cose sono più semplici e si evita di commettere errori costosi in termini di delusioni e anche di soldi veri e propri.
www.facebook.com
www.myspace.com

www.linkedin.com

www.xing.com

 

WORKSHOP

Workshop “Careers Abroad”
Germania

6 marzo 2010, ore 10.00 – 16.00 Vicenza

L´economia tedesca è orientata all'export, settore che occupa un lavoratore su cinque. Ciò significa che le imprese necessitano di personale con competenze linguistiche e conoscenza dei mercati esteri.
Attualmente la crisi globale si abbatte anche sulla Germania. Ma le previsioni a medio termine lasciano più che sperare chi dispone di un’esperienza  qualificata. Nei prossimi anni la Germania dovrà reclutare personale qualificato dall'estero a causa della fuoriuscita dal mercato del lavoro di un consistente numero di lavoratori tedeschi che andranno in pensione e del limitato numero di giovani che entreranno a far parte della forza lavoro. Questi fatti avranno delle ripercussioni forti in tutti i settori economici: dalla sanità alla scuola, dall’artigianato all’industria.
Obiettivi e contenuti del workshop

“Careers abroad” intende preparare i partecipanti, attraverso un percorso strutturato, ad organizzare ed attuare la ricerca del lavoro in Germania. 
Viene approfondita l’analisi di settori produttivi contraddistinti da un andamento positivo.
Particolare attenzione viene dedicata alla stesura del Curriculum e della lettera di accompagnamento secondo gli standard tedeschi considerato che il successo nella ricerca di lavoro dipende anche da un’efficace presentazione.
Docente:
Bernd Faas, esperto di mobilità internazionale
Informazioni ed iscrizione:
tel. 0444-964770 -
info@eurocultura.it

www.eurocultura.it > Seminari >Careers Abroad

 

Il servizio Informacittà di Bassano del Grappa, in collaborazione con l'Associazione Eurocultura, organizza: 

Moving the world
Lavoro stagionale in Europa

18 febbraio 2010, ore 20.30 

Informacittà
Piazzale Trento 9/a
Bassano del Grappa 
Sembra ancora presto per pensare all’estate: siamo solo all’inizio dell’anno! Chi sa, oggi, se tra qualche mese avrà voglia di partire per un periodo all’insegna della crescita personale, professionale o linguistica?  
Le opportunità sono tante: receptionist negli alberghi spagnoli, animatore nei villaggi turistici francesi, istruttore sportivo sulle spiagge tedesche, cameriera in un parco di divertimento inglese, barista nelle discoteche olandesi, comessa ovunque nei supermercati … ed ancora:  magazziniere, segretaria sostitutiva, guida turistica, raccolta della frutta.

Il mondo estivo delle centinaia di migliaia di opportunità è caratterizzato da un fattore fondamentale: il tempo giusto. Chi non si attiva nel momento giusto, con grande probabilità rimane con le mani vuote; oppure, nel migliore dei casi, si deve accontentare delle briciole avanzate da chi è stato più tempestivo. 
Il relatore Bernd Faas incontro indica durante la conferenza le strade utili per verificare la fattibilità del proprio desiderio fornendo le informazioni e i consigli giusti.
Bernd Faas opera da oltre 20 anni nel settore della mobilità internazionale. La sua esperienza professionale riguarda l´orientamento, la preparazione e la realizzazione di attività nell’ambito del lavoro, stage, formazione e volontariato all´estero.
Informazioni: Informacittà 0424-237584 -
informacitta@comune.bassano.it

 

PROSSIMI SEMINARI PER ORIENTATORI A VICENZA:

9 e 10 marzo: Mobilità Internazionale
15 aprile: Regno Unito
12 e 13 maggio: Stage all'estero
8 giugno: Germania
Informazioni:
 
Eurocultura 0444-964770
info@eurocultura.it

www.eurocultura.it

 

HOME

 

 

INFORMAZIONI SPECIALIZZATE DALL’UE, IN COLLABORAZIONE CON EUROREPORTER

La Redazione di Eurosportello Informa, grazie alla collaborazione con Euroreporter, web site per “l’informazione europea su misura”, offre una rubrica di approfondimenti tematici dall’ Europa su: evoluzione normativa, giurisprudenza, consultazioni pubbliche, regolamentazione tecnica, progetti tansfrontalieri, conferenze e altri eventi, partenariati e accordi di settore, studi e rapporti di organismi pubblici o privati, posizioni delle associazioni di categoria europee o nazionali, azioni politiche e di lobbying, reazioni comunitarie ad iniziative nazionali o viceversa, progressi tecnologici, tendenze di mercato.Per visualizzare l’elenco cliccare il seguente link:
  http://www.euroreporter.eu/bollettino_quindicinale_word.asp .

 

HOME

 

 

CONTATTI

Per non ricevere la newsletter cliccare  QUI
Eurosportello informa - Anno XIV N 3 – 2010
Pubblicazione quindicinale di Eurosportello del Veneto
Via delle Industrie 19/d 30175 Venezia-Marghera Tel.041/0999411 – Fax. 041/0999401
 http://www.eurosportelloveneto.it E-mail: europa@eurosportelloveneto.it


Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1376 del 15/12/00

 Direttore Responsabile: Gian Angelo Bellati
Comitato di redazione:  Roberta Lazzari, Francesco Pareti

Hanno collaborato:
  Andrea Baggioli, Roberto Bassetto, Sara Codognotto, Rossana Colombo, Beatrice De Bacco, Laura De Nale, Erica Holland,  
Laura Manente
, Filippo Mazzariol, Matteo Peri, Daniela Nardello, Brankica Raskov, Samuele Saorin, Alessandra Vianello, Alessandro Vianello

 

HOME